Adottati illegalmente

Una mamma single torna dal lavoro e scopre che i suoi figli sono spariti.E' stata la polizia a portarli via e da allora non li ha più visti...ecco cosa è accaduto

Flor Ramírez è diventata madre per la prima volta all’età di 17 anni, ha avuto due figli con Gustavo Tovar, con il quale ha divorziato dopo alcuni anni. La famiglia viveva in un’umile casa in Guatemala, dopo lo scioglimento del matrimonio, andò a lavorare in Messico.

Nel frattempo, la madre ha lavorato come manager del Ministero delle finanze per pagare le spese di sostegno dei suoi figli, lasciandoli soli durante le giornate lavorative. Pagava un vicino per andare spesso a casa sua per sorvegliare i suoi figli che avevano 6 e 1 anni all’epoca.

Un giorno tornò disperata a casa sua dopo aver appreso che i due bambini erano stati presi. Osmín, il piccolo di sei anni, ricorda che i poliziotti entrarono in casa e gli chiese di andare con loro con la promessa che sarebbe tornato a casa. Fu così che Osmín e suo fratello furono presi, da allora la madre iniziò a cercarli disperatamente, ma non ottenne risultati.

I funzionari non le hanno dato informazioni sulla posizione dei suoi figli, nemmeno il padre è stato informato. Osmín ricorda di aver desiderato di tornare a casa sua e di tornare a trovare sua madre. Non capiva perché fosse stato tolto da casa sua. Ma tutto peggiorò quando fu separato dal fratello minore.”Quando mi hanno separato da lui, una parte del mio cuore si è rotta”, ha lamentato.

Erano stati messi in diversi orfanotrofi, in uno di essi condivideva una stanza con un ragazzo più giovane di nome Erik. Una famiglia degli Stati Uniti era interessata ad adottare il piccolo, ma quando videro l’importante legame che aveva con Osmín, decisero di adottarli entrambi.

Richard e Kathleen Borz sono diventati i nuovi genitori di Osmin, hanno vissuto in Pennsylvania, negli Stati Uniti. Gli hanno offerto il calore di una famiglia, una casa confortevole, educazione e divertimento. Egli non ha dimenticato il modo in cui si è separato da sua madre e suo fratello. Neanche le notti di incertezza e dolore che ha sofferto nelle varie istituzioni in cui è stato trasferito.

Disse che i suoi genitori adottivi non capivano certe usanze che Osmín manteneva, come nascondere parte del cibo che consumava sotto il suo letto. Ogni giorno nascondeva il cibo nella sua stanza in modo da poterlo offrire al suo fratellino quando aveva fame durante la notte. Osmín era abituato a razionare tutto, viveva in condizioni di povertà.

Negli anni ’90 il Guatemala è stato il quarto paese al mondo a gestire più adozioni internazionali. All’epoca furono adottati tra i 12 mila e gli 80 mila bambini, alcuni illegalmente come Osmín e suo fratello minore. Erik Maldonado, è il direttore legale di “Il rifugio dei bambini”, un’istituzione in Guatemala che è responsabile per garantire i diritti dei bambini, ha seguito da vicino il caso e dichiarato ai media che le autorità delle agenzie giudiziarie e l’ufficio del procuratore generale della nazione del Guatemala avrebbero lavorato insieme per favorire l’adozione illegale.

La Corte interamericana dei diritti umani ha condannato il caso dopo una lunga indagine. Per decenni, i genitori dei minori si sono dedicati a chiedere giustizia. Molti media hanno fatto eco alla loro testimonianza, un giornalista ha contattato i genitori adottivi di Osmín e sapeva che i suoi genitori biologici lo stavano cercando.

Non ha esitato a recarsi in Guatemala dove l’incontro desideratoè diventato realtà dopo aver stabilito un contatto con suo padre tramite Facebook. Ora Osmín vuole diventare la voce di tutti i bambini che come lui e suo fratello sono stati separati dalle loro famiglie per metterli in adozione.

Lutto a Bolzano, Matilda Salutt si è spenta a 13 anni a causa di una grave malattia

Lutto a Bolzano, Matilda Salutt si è spenta a 13 anni a causa di una grave malattia

"Vacca grassa", il marito la insulta: lei perde peso e gli dice addio

"Vacca grassa", il marito la insulta: lei perde peso e gli dice addio

Tragedia in provincia di Rimini, neonato nato prematuramente in casa: è morto

Tragedia in provincia di Rimini, neonato nato prematuramente in casa: è morto

La nota influencer Paige Rice è morta a 22 anni a causa di un incidente stradale: anche il fidanzato non ce l'ha fatta

La nota influencer Paige Rice è morta a 22 anni a causa di un incidente stradale: anche il fidanzato non ce l'ha fatta

Brescia, il gesto dei compagni di classe di Viola Balzaretti per ricordarla

Brescia, il gesto dei compagni di classe di Viola Balzaretti per ricordarla

Il piccolo Zac Harvey è morto a 3 anni, a causa di un incendio nella roulotte

Il piccolo Zac Harvey è morto a 3 anni, a causa di un incendio nella roulotte

Brescia, la giustificazione del papà di Viola Balzaretti sul fucile carico

Brescia, la giustificazione del papà di Viola Balzaretti sul fucile carico