Ancona, donna vestita da Catwoman arrestata

Ancona, donna vestita da Catwoman arrestata per stalking perché perseguitava la compagna del suo ex: ecco cosa ha fatto!

Home > Attualità > Ancona, donna vestita da Catwoman arrestata

Ancona, donna vestita da Catwoman arrestata per stalking. La donna, una 52enne, la sera indossava i panni della famosa eroina dark e faceva i dispetti alla nuova compagna del suo ex. Un comportamento decisamente inconsueto, così come la scelta del travestimento che le hanno costato un arresto. Ecco come sono andate le cose.

La donna, una 52enne residente nei pressi di Numana, era stata lasciata dal suo fidanzato e, ferita, ha deciso di vendicarsi. Ma la cosa strana è che la donna non ha voluto vendicarsi sul suo ex compagno. Ha scelto come vittima la sua attuale compagna, anche lei 52enne e ha iniziato a stalkerizzarla: appostamenti, dispetti, macchina danneggiata, telefonate senza parlare.

arrestata-danneggiamento-macchina-rivale

 

Fin qui tutto potrebbe sembrare nella norma ma c’è di più. La donna, impiegata nella pubblica amministrazione, abitava nei pressi di Numana e, la sera, vestita da Catwoman, si recava sotto l’abitazione della rivale in amore e le faceva dispetti. Il suo ex compagno e lei non sospettavano nulla e lei ha continuato a perseguitarli.

Catwoman-uomo

 

Conosceva bene le abitudini della rivale e la perseguitava sia a casa che sul posto di lavoro alla Baraccola.  La polizia ha messo le telecamere e l’hanno sorpresa mentre, vestita con una giacca nera e con un cappuccio in testa cercava di danneggiare la macchina della donna rivale in amore.

ancona-donna-vestita-da-catwoman-arrestata

La donna è stata arrestata in flagranza di reato venerdì sera e adesso dovrà rispondere delle accuse di atti persecutori e danneggiamento aggravato e continuato. Una settimana prima aveva usato delle cesoie per recidere la rete di protezione esterna della casa. Lunedì mattina è stata accompagnata in tribunale per il processo con rito direttissimo. Attualmente si trova agli arresti domiciliari nel comune di residenza.

“È stata una liberazione” ha detto la donna quando è stata arrestata… Immaginiamo che liberazione avranno provato il suo e l’attuale compagna!