Appuntamento dal ginecologo

"Le visite dal ginecologo mi imbarazzano molto e quella mattina ero pure in ritardo. Sono arrivata in tempo per non perdere il turno, ma mentre il ginecologo mi visitava è scoppiato a ridere e ha fatto uno strano commento"

Tutti noi abbiamo mille cose in teste durante il giorno, specialmente le donne. Molte hanno bambini da portare a scuola, devono preparare da mangiare, andare a lavoro, fare lavatrici ecc… Non c’è da stupirsi se a volte sembriamo un po’ pazze ed esaurite durante la giornata…Ci sono giorni in cui le ore sembrano non bastare mai.

 

La protagonista di questa storia racconta che aveva un appuntamento con il ginecologo, ma le cose sono andate in modo molto diverso da quello che lei aveva immaginato … “Avevo un appuntamento con il ginecologo quel giorno, ma quella mattina ho ricevuto una telefonata dall’ospedale che diceva che dovevano anticipare il mio appuntamento.

Mio marito e mia figlia erano già usciti di casa e stavano andando al lavoro e a scuola. Erano le 8:45 e dovevo stare nello studio alle 09:30,altrimenti avrei perso la prenotazione e avrei dovuto aspettare per un nuovo appuntamento. Ci volevano circa 35 minuti per arrivarci, quindi non c’era tempo da perdere. Normalmente sono molto attenta all’igiene prima di questo tipo di visite, ma quel giorno non c’era molto tempo.

Corsi giù per le scale, mi tolsi il pigiama, presi un asciugamano, lo inzuppai nell’acqua e mi lavai le parti intime con esso. Ho gettato l’asciugamano nel cesto della biancheria, ho indossato dei pantaloni e ho lasciato la casa velocemente. Ho guardato l’orologio e ho visto che forse sarei arrivata un po ‘in ritardo.

Mi ero appena seduta nella sala d’attesa quando mi hanno comunicato che era il mio turno. So come funziona la visita, quindi mi sono seduta direttamente sul lettino. Mentre ero sdraiata lì, ho cercato di pensare che ero a Parigi, un posto lontano e bellissimo, per distrarmi.

Sono rimasta un po’ sorpresa e perplessa quando il ginecologo mi ha guardata, ha riso e improvvisamente ha detto: “Oops! Vedo che abbiamo fatto uno sforzo in più stamattina, giusto? “Non ho risposto, le visite mi imbarazzano e non ho voluto approfondire.

Alla fine della visita, ho continuato la giornata come al solito. Sono andata a fare la spesa, ho preparato il pranzo e ho fatto il bucato. Dopo la scuola, mia figlia di 6 anni è tornata a casa, voleva giocare e mi ha chiesto: mamma, dov’è il mio piccolo asciugamano? ”

Risultati immagini per glitter

Le ho detto di prenderne un’altra dall’armadio, ma lei ha risposto direttamente: “No, voglio quello che era in bagno. Gli avevo messo dei brillantini, è molto carino con le macchie che scintillano…” In quel momento ho capito cosa si era ritrovato davanti il ginecologo, le mie parti intime erano piene di glitter. Sono scoppiata a ridere ma non tornerò mai più da quel ginecologo … Mai più nella mia vita!

Condividi questa divertente storia su Facebook.

Lutto nel mondo del cinema: l'attrice di 26 anni trovata senza vita

Lutto nel mondo del cinema: l'attrice di 26 anni trovata senza vita

Mark Bryan è etero, sposato e ha dei figli e lavora come ingegnere robotico ma ama indossare gonne a tubino e tacchi alti: le foto

Mark Bryan è etero, sposato e ha dei figli e lavora come ingegnere robotico ma ama indossare gonne a tubino e tacchi alti: le foto

Morte Antonella Sicomero: la verità nella password dello smartphone

Morte Antonella Sicomero: la verità nella password dello smartphone

Tragedia, aereo precipitato poco dopo il decollo: morti 4 giocatori e il presidente di una squadra di calcio

Tragedia, aereo precipitato poco dopo il decollo: morti 4 giocatori e il presidente di una squadra di calcio

Lidia aveva 27 anni e si era appena laureata. Ha trovato la morte sulla Statale 89

Lidia aveva 27 anni e si era appena laureata. Ha trovato la morte sulla Statale 89

Si è rifiutata di andare dal dentista per paura del Covid, mamma di 29 anni ha perso la vita

Si è rifiutata di andare dal dentista per paura del Covid, mamma di 29 anni ha perso la vita

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale

Ad un anno dalla morte di Kobe Bryant, Reggio Emilia, città che lo ha ospitato per molti anni, ha deciso di onorarlo in una maniera speciale