andrea farnesina

Arrivati i permessi per il rientro in Italia della salma del piccolo Andrea Mirabile: anche i genitori torneranno a casa

Arrivati i permessi per il rientro in Italia dei genitori di Andrea Mirabile e della salma del bimbo

Dopo il disperato appello della mamma e viste le loro gravi condizioni, la stessa Farnesina ci ha tenuto a far sapere di aver ottenuto i permessi per il rientro in Italia della salma del piccolo Andrea Mirabile, previsto per sabato. I genitori, invece, potranno tornare già nella giornata di oggi.

andrea farnesina

I due sono ricoverati, ma la situazione dell’uomo è davvero molto complicata. Antonio Mirabile non riesce a respirare da solo e il fegato e i suoi reni non riescono a lavorare bene.

La moglie incinta, invece, è ricoverata in ospedale, ma le sue condizioni non sono molto gravi. È stata proprio lei a fare un disperato appello in cui chiedeva alle istituzioni di attivarsi per il loro rientro in Italia.

Le autorità egiziane prima di dare il permesso della salma nel suo paese, hanno disposto anche un’autopsia d’urgenza. Tuttavia, i familiari non hanno ancora avuto indietro il referto, per capire la causa che ha portato al suo decesso del loro bimbo.

andrea farnesina

Da ciò che è emerso, tutta la famiglia è stata colpita da una grave intossicazione alimentare. Il piccolo ed il papà sin da subito hanno avuto i sintomi più violenti e la loro situazione è apparsa davvero complicata.

Dal racconto dello zio, il bimbo è spirato 36 ore dopo l’arrivo dei primi sintomi ed anche dopo il tempestivo trasporto in ospedale.

Morte del piccolo Andrea Mirabile: i fatti

La stessa Procura di Sharm El Sheik ha avviato un’indagine sulla triste vicenda e con loro anche il consolato italiano, che ha supportato la famiglia Mirabile, da quando hanno iniziato a stare male.

Da ciò che è emerso nessun altro ospite del resort ha avuto questa intossicazione. Di conseguenza ora sono a lavoro per capire che cosa hanno mangiato e come mai sono stati così male.

andrea farnesina

Antonio Mirabile ed il piccolo Andrea hanno iniziato a stare male nella giornata di venerdì 1 luglio. Erano stanchi, spossati ed il loro vomito era di un colore giallo. Il team medico del resort però, dal racconto dello zio, non ha dato affatto importanza alla gravità della situazione.