autocertificazione-coronavirus

Autocertificazione, cambia il modulo da compilare

Il Ministero dell'Interno ha pubblicato il nuovo modulo di autocertificazione da compilare e presentare alle forze dell'ordine qualora dovessimo spostarci da casa.

Cambia il modulo di autocertificazione per gli spostamenti da scaricare e compilare. Il Ministero dell’Interno ha pubblicato il nuovo modulo di autocertificazione da compilare e presentare alle forze dell’ordine qualora dovessimo spostarci da casa.

Secondo le misure restrittive emanate dal Governo, si può uscire dalla propria abitazione solo per “comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute e rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza“.

autocertificazione-coronavirus

È stato pubblicato sul sito del Ministero dell’Interno il nuovo modulo di autocertificazione per tutti i cittadini che devono spostarsi nonostante l’emergenza coronavirus.

L’autocertificazione va compilata e mostrata alle forze dell’ordine per giustificare i motivi per cui una persona debba spostarsi e quindi lasciare la propria abitazione, ovviamente l’autocertificazione vale in tutta Italia.

Nel modulo bisogna indicare lo spostamento dettato da esigenze lavorative, da una situazione di necessità, da motivi di salute o dal rientro nel proprio domicilio.

Nel nuovo modello di autocertificazione è stata inserita una voce con la quale si deve dichiarare di non essere stati sottoposti alla quarantena o all’isolamento.

È possibile scaricare il modulo di autocertificazione direttamente sul sito del Ministero dell’Interno.

Sul foglio è presente una nuova voce: chi esce dalla propria abitazione dovrà anche dichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’articolo 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020.

Quindi, non deve essere sottoposto alla misura della quarantena e non deve essere risultato positivo al coronavirus, altrimenti la mobilità dalla propria abitazione è assolutamente vietata.

Inoltre, nel nuovo modello di autocertificazione è previsto che l’operatore di polizia contro-firmi l’autodichiarazione attestando che viene resa la sua presenza e dopo aver identificato chi la effettua.

In questo modo non è necessario per il cittadino allegare nella dichiarazione anche la fotocopia del proprio documento di identità.