Aveva il viso di un angelo e il coraggio di un leone, si chiamava Vanya Krapivin

Aveva il viso di un angelo e il coraggio di un leone, si chiamava Vanya Krapivin e noi vogliamo onorare la sua memoria, raccontando la sua storia.

Home > Attualità > Aveva il viso di un angelo e il coraggio di un leone, si chiamava Vanya Krapivin

Questa è la storia di un ragazzo di 16 anni, aveva il viso di un angelo e il coraggio di un leone, si chiamava Vanya Krapivin e noi vogliamo onorare la sua memoria, raccontando la sua storia. Vanya è morto lentamente e in solitudine, dopo aver subito terribili danni celebrali, nel tentativo riuscito di salvare sua madre.

L’incidente avvenne nella città russa di Severodvinsk quando Vanya tornò da scuola e trovò l’uomo, un vicino identificato come Roman Pronin, che era sul corpo di sua madre, e la stava attaccando con un’arma affilata. L’adolescente, pieno di impotenza e indignazione, reagì d’istinto e con un manubrio da 3 kg tentò di attaccare l’uomo per difendere la madre che piangeva ferita sul pavimento. Natalia Krapivina, 43 anni, aveva già ricevuto ferite significative con un coltello prima che arrivasse suo figlio. Ma l’uomo, che era posseduto dalla furia, reagì con più forza e finì per picchiare brutalmente il ragazzo con il peso nel cranio, lasciandolo con fratture irreversibili. I vicini furono allarmati dal rombo e dopo aver chiamato la polizia, l’uomo di 37 anni fuggì dalla scena pensando che madre e figlio fossero già morti. Quando le autorità arrivarono, trovarono entrambi completamente privi di sensi a terra. Una volta che Vanya fu portato all’ospedale, i medici furono costretti a rimuovere la parte anteriore del cranio e parte del suo cervello, e sebbene le sue condizioni fossero serie, lui cominciò a mostrare segni di miglioramento. Ecco come quel mostro aveva ridotto quel bellissimo angelo.

Il ragazzo cadde in coma per nove mesi con gravi danni cerebrali, mentre sua madre aveva subito 27 coltellate, ma fu salvata grazie al coraggio di suo figlio. Ma la cosa che devasta i nostri cuori più di tutte, è che la madre profondamente traumatizzata dalla sua stessa esperienza lo ha visitato in ospedale solo due volte dopo l’orrore che ha vissuto, secondo i rapporti.

Non siamo nella posizione di giudicare, ma il povero Vanya è rimasto pure solo. Qualche buon samaritano, che conosceva la sua storia, stava raccogliendo fondi per inviare il ragazzo eroe in Spagna per una ripresa più veloce, ma lo scorso ottobre Vanya ha avuto l’influenza, e nonostante tutte le cure all’ospedale, le sue condizioni sono peggiorate e purtroppo è morto martedì.

Dopo la morte del ragazzo, Natalia ha affrontato le critiche per non essere stata con suo figlio negli ultimi momenti, nonostante il fatto che abbia dato la vita per lei. La donna ammise di essersi rifugiata nell’alcool dopo la terribile esperienza che non era in grado di sopportare, ma che era determinata a cercare la riabilitazione. Nel frattempo, Roman Pronin, era già stato incarcerato per 14 anni e ora sta affrontando un’accusa di omicidio aggiuntivo dopo la morte del ragazzo.

Ma si è saputo che Natalia aveva implorato le autorità prima dell’attacco di non permettere che un assassino liberato vivesse nella stessa strada, dove vivevano i bambini. Tuttavia, nonostante gli avvertimenti, all’uomo è stato permesso di vivere all’interno di un blocco di case familiari. Le autorità hanno avviato un’indagine sul perché l’assassino condannato potesse vivere vicino ai bambini.

Ora Vanya non soffrirà più, ma vogliamo ricordare questo ragazzo come il coraggioso eroe che si è dimostrato.