Ballerina di pole dance mostra la sua borsa della colostomia

Oggi mostra quasi con orgoglio la borsa della colostomia che le ha salvato la vita. Ma pensa a chi le diceva che la sua vita sarebbe cambiata.

Home > Attualità > Ballerina di pole dance mostra la sua borsa della colostomia

Chloe Wilson ha 22 anni ed è una ballerina di pole dance, che oggi mostra quasi con orgoglio la borsa per la colostomia che le ha salvato la vita. Anche per rispondere a chi le aveva detto che dopo l’intervento che le ha salvato la vita non avrebbe più potuto indossare un bikini. A dirlo un’infermiera dell’ospedale. E ora lei si prende la sua rivincita.

Chloe Wilson

La ragazza rischiava di morire. Poi la decisione di rimuovere tutto il colon. Una scelta non facile. E il personale medico che avrebbe dovuto assisterla non ha fatto altro che peggiorare le cose.

Un’infermiera, infatti, in tono quasi di scherno le ha detto che non avrebbe più potuto indossare quei graziosi bikini che usava per esibirsi sul palo della pole dance.

L’infermiera ha continuato a dire a Chloe Wilson che non avrebbe più potuto indossare costumi da bagno come le sue amiche, perché la borsa per la colostomia sarebbe sempre stata in bella vista.

chloe

E pensare che quell’intervento le ha salvato la vita, dopo aver sofferto davvero moltissimo. Durante l’adolescenza lamentava dolori lancinanti allo stomaco che la paralizzavano.

Chloe-Wilson

Dopo un po’ la diagnosi: colite ulcerosa, una malattia in cui colon e retto sono perennemente infiammati.

La ragazza decise di far rimuovere il suo colon per risolvere la situazione e smetterla di soffrire di mal di stomaco. Anche perché nessun farmaco riusciva a darle sollievo. L’unica possibilità per non star più male era l’intervento chirurgico.

Nonostante i commenti maligni delle infermiere, Chloe Wilson ha continuato per la sua strada: ormai aveva deciso di farsi operare. Quando i medici l’hanno sottoposta all’intervento hanno scoperto che aveva preso la decisione più giusta per la sua vita. Ancora pochi giorni e sarebbe morta.

Oggi la giovane ragazza che vive a Crowle, nel Lincolnshire, vuole raccontare la sua storia per mostrare che la vita va avanti comunque. Come o meglio di prima!