Bambina dona gli organi: l’omaggio del personale dell’ospedale

(VIDEO) Una bambina dona i suoi organi dopo essersi spenta per sempre. Il personale dell'ospedale e la sua famiglia decidono di renderle omaggio

Home > Attualità > Bambina dona gli organi: l’omaggio del personale dell’ospedale

Una famiglia ha condiviso le foto e il video del momento in cui la loro bambina di soli 22 mesi veniva portata in sala operatoria per donare i suoi organi. Una storia veramente drammatica, condivisa anche dal personale ospedaliero che ha reso così omaggio alla piccina.

La bimba, 22 mesi, si chiamava Coralynn Eve Sobolik ed era figlia di Paul e Meagan Sobolik. Questa triste vicenda è iniziata il 19 aprile scorso, quando la bambina è stata ricoverata d’urgenza in ospedale perché faticava a respirare. Nonostante le cure e le terapie prontamente messe in atto, la piccina non ce l’ha fatta e pochi giorno dopo, a Pasqua, è stata dichiarata la morte cerebrale della piccina a causa delle complicanze sopraggiunte per un’infezione da virus parainfluenzale.

I genitori hanno così deciso di prendere la decisione più coraggiosa di tutti: donare gli organi della figlia. La madre Meagan ha spiegato che quando hanno scoperto che Coralynn non si sarebbe più svegliata e che era cerebralmente morta, hanno deciso di donare i suoi organi per salvare altre vite. La famiglia ha così deciso di riprendere in un video il momento in cui la piccola veniva portata in sala operatoria per donare gli organi.

Il video ha commosso il web, tanto che Meagan ha ribadito che è stato meraviglioso vedere così tanto amore per la loro piccola. I genitori adesso auspicano che quanto accaduto loro possa spingere anche altre persone a donare gli organi.

Gli organi di Coralynn hanno già contribuito a salvare alcune vite: il cuore, ad esempio, è stato donato a un bambino di 1 anno, il fegato a una bambina di 1 anno e i reni a una donna di 41 anni. Meagan ha ricordato che, nonostante il dolore sia ancora vivo, se un figlio dona gli organi, ecco che può continuare a vivere in un’altra persona.