Bambina nata con suo fratello dentro la sua pancia

La storia della piccola Itzamara e del suo fratellino malformato.

Home > Attualità > Bambina nata con suo fratello dentro la sua pancia

Una storia difficile da credere, ma realmente accaduta, è quella di una neonata di nome Itzamara, nata nella città di Barranquilla, in Colombia e quasi morta per via di suo fratello. Secondo quanto riposta il famoso giornale Daily Mail, durante la gestazione, suo fratello gemello, stava crescendo dentro di lei.

Il feto era malformato, non aveva ne un cuore, ne un cervello, ma stava crescendo, danneggiando sua sorella. Monica Vega, la madre che ha subito questo trauma, ha raccontato ai media, che il suo ginecologo, si è reso conto, durante un controllo, che il suo bambino aveva qualcosa di anomalo nell’addome. Era incinta di quasi sette mesi, ma di solito, anche se non è il primo caso al mondo, non è facile individuare queste cose durante la gravidanza. Solitamente soltanto dopo la nascita, i dottori riescono a capire che c’è qualcosa che non va. Nel caso di Itzamara, però, è stata una vera fortuna, perché se fosse arrivata alla fine della gravidanza, il feto malformato, continuando a crescere dentro di lei, le avrebbe danneggiato gli organi. “Non ho mai sentito nulla di simile in tutta la mia vita. Non mi aspettavo davvero che ciò accadesse”, ha raccontato Monica. Il team medico ha deciso di far nascere la piccola prima, per poterle salvare la vita. Dopo sole ventiquattro ore dalla sua nascita, è stata portata in sala operatoria e sottoposta ad un delicato intervento chirurgico, per rimuovere suo fratello, nel suo addome. Quest’ultimo si è concluso con successo ed oggi Itzamara sta bene e non ha riportato alcuna conseguenza.

Casi così si verificano una volta ogni 200.000 gravidanze.

L’embrione va a dividersi nella seconda settimana e vanno a formarsi due gemelli siamesi.

In questo caso, però, l’embrione si è diviso dopo il 17° giorno. Guardate il video:

Itzamara si trova ancora in ospedale, per essere tenuta sotto controllo, ma sta bene ed è fuori pericolo di vita.