Condannati la zia e i genitori del bambino di 11 anni di Arzachena

Bambino di 11 anni segregato in camera dalla zia e dai genitori

Il fatto risale all'estate del 2019, quando i Carabinieri di Arzachena ricevettero la telefonata sospetta dal bambino di 11 anni

È arrivata la sentenza definitiva per la zia e per i genitori del bambino di 11 anni di Arzachena, che i Carabinieri di Arzachena, nel 2019, liberarono dallo stanzino buio in cui i suddetti parenti lo tenevano segregato. I tre dovranno restare in carcere per i prossimi otto anni.

Condannati la zia e i genitori del bambino di 11 anni di Arzachena

La vicenda, tragica e sconvolgente, risale all’estate dello scorso 2019. I Carabinieri di Arzachena, in provincia di Sassari, in Sardegna, il 29 giugno di quell’anno avevano ricevuto una telefonata che li aveva subito messi in allerta.

Dall’altro lato della cornetta c’era un bambino, che poi si è scoperto avere solo 11 anni, che comunicava agli agenti delle forze dell’ordine una richiesta piuttosto assurda.

Nella telefonata il bimbo diceva al carabiniere che stava cercando di mettersi in contatto con sua zia, ma che non riusciva, poiché il cellulare con cui stava telefonando era senza una scheda e perché lui si trovava rinchiuso nella sua camera.

L’intervento tempestivo dei militari nella casa, portò alla luce quella che era la drammaticità della vicenda.

Le indagini e i colloqui del bambino di 11 anni con gli psicologi, portarono alla luce la realtà. Ossia che la zia e i genitori, per punizione, lo rinchiudevano nella sua stanza, senza luce né bagno, per periodi molto lunghi. Inoltre lo costringevano ad ascoltare degli audio con delle voci demoniache e spaventose.

La condanna definitiva ai parenti del bambino di 11 anni

Condannati la zia e i genitori del bambino di 11 anni di Arzachena

Oggi, a quasi tre anni dalla chiamata che ha riportato il bimbo alla libertà, è arrivata la sentenza definitiva verso quei tre aguzzini che lo tenevano prigioniero in condizioni disumane.

Già nei primi due gradi di giudizio, l’accusa chiedeva per loro tre 8 anni di reclusione.

Nonostante i ricorsi presentati dai tre imputati, la Cassazione ha rifiutato, convalidando la pena già stabilita nel corso dei due precedenti gradi di giudizio.

Condannati la zia e i genitori del bambino di 11 anni di Arzachena

Il reato di cui sono stati accusati è quello di sequestro di persona e di maltrattamenti e sevizie psicologiche, nei confronti del piccolo di soli 11 anni all’epoca dei fatti.

Per la zia e per i genitori del bambino, pene inferiori a quelle previste. Questo grazie al rito abbreviato scelto in primo grado. I tre da ieri sera sono in carcere.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"