Bimba di 20 mesi grave dopo un'operazione ai reni

Bimba di 20 mesi grave dopo un’operazione ai reni: da Pescara trasferita ad Ancona

Quali sono le sue condizioni di salute?

Una povera bimba di 20 mesi è grave dopo un’operazione ai reni. La piccola soffre di una malattia oncologica. Prima il ricovero in ospedale, a Pescara, per un intervento chirurgico. Poi mercoledì 1 settembre 2021 il trasferimento d’urgenza dall’ospedale Santo Spirito della città abruzzese alla struttura pediatrica Salesi di Ancona, nelle Marche, per sottoporsi a ulteriori trattamenti che a Pescara non ci sono.

Operazione chirurgica
Fonte foto da Pixabay

La piccola paziente soffre di una patologia oncologica, per la quale è stato necessario un intervento d’urgenza. Aveva anche bisogno di sottoporsi a un trattamento di dialisi pediatrica, ma purtroppo l’ospedale Santo Spirito di Pescara era sprovvisto di tale cura.

Così i medici hanno disposto il trasferimento della piccola paziente oncologica dall’ospedale Santo Spirito di Pescara, in Abruzzo, all’ospedale Salesi di Ancona, nelle Marche, molto più attrezzato per terapie di questo tipo dedicate ai più piccoli.

Quando però la bambina è arrivata all’ospedale di Ancona, è stato necessario sottoporre la piccola a un ulteriore intervento chirurgico d’urgenza, a causa di un’improvvisa emorragia interna. La bambina si trova oggi ricoverata in prognosi riservata in rianimazione nell’ospedale pediatrico del capoluogo delle Marche.

prognosi riservata in rianimazione
Fonte foto da Pixabay

Bimba di 20 mesi grave in ospedale ad Ancona

La bambina ha iniziato il suo calvario ospedaliero dopo la diagnosi di una massa tumorale nell’addome. Purtroppo i medici hanno anche notato un’importante compromissione delle funzionalità renali.

Bimba di 20 mesi grave dopo un'operazione ai reni
Fonte foto da Pixabay

La bambina è stata sottoposta a nefrectomia parziale, con asportazione di gran parte dei reni, che sono stati compromessi dalla massa tumorale. L’intervento ha avuto luogo presso l’ospedale di Pescara, l’unico in tutto l’Abruzzo che può contare su un reparto di chirurgia pediatrica.

Purtroppo durante il decorso post operazione chirurgica la bambina ha avuto un improvviso blocco renale, una tipica complicanza di un intervento delicato come quello a cui è stata sottoposta la piccola paziente.