Bimbo di 4 anni con la leucemia crea giocattoli per pagarsi le cure

La storia di Andrei Semylit e della madre Alena sta commuovendo il web.

Home > Attualità > Bimbo di 4 anni con la leucemia crea giocattoli per pagarsi le cure

Quello di Andrei Semylit e della madre Alena, che hanno combattuto contro una terribile malattia per tre anni, è un grande esempio di amore per la vita e fede nei miracoli.

Nel 2015, ad Andrei di Cherkasy, Ucraina, è stata diagnosticata la leucemia. Il bambino di 4 anni avrebbe potuto ricevere le cure mediche necessarie soltnto all’estero, in Bielorussia. Ma la famiglia non poteva permettersi i costi esorbitanti del trattamento.

Un giorno, la madre ha deciso di distrarre suo figlio dal dolore e dalle cure, portando materiali improvvisati, da cui hanno cominciato a fabbricare pupazzi di neve all’ospedale. Hanno usato calze, nastri, riso, vernici… Gli adulti creavano gli spazi vuoti e Andrei li dipingeva. Ben presto hanno avuto l’idea di vendere i giocattoli per raccogliere fondi per il trattamento.

Bimbo di 4 anni con la leucemia crea giocattoli per pagarsi le cure

La storia del bambino che ha combattuto il cancro in un modo così insolito è stata pubblicata su Facebook su una pagina di un cittadino israeliano. La risposta è stata notevole! Persone di molti Paesi hanno voluto sostenere Andrei e hanno cominciato a trasferire denaro e a ordinare i pupazzi di neve. In pochi giorni, sono giunti oltre 6.000 ordini di giocattoli e in poco tempo è stata raccolta la cifra necessaria per il trattamento.

Bimbo di 4 anni con la leucemia crea giocattoli per pagarsi le cure

Alena Semylit non poteva credere che non avrebbe dovuto vendere la propria casa per pagare il trattamento del figlio. Ma è stato tutto reale, il miracolo è successo! Non solo sul fronte denaro ma anche (e soprattutto) sul versante della salte. Ora Andrei va in Bielorussia per controlli periodici, si prepara per la scuola e sogna di diventare un medico o un pilota.

Nella sua pagina su Facebook, la madre del ragazzo ha ringraziato tutti per il supporto ricevuto. Ora, apprezzano ogni momento della vita…