Cardito, bimbo ucciso di botte: ora parlano i vicini

La tragedia di Cardito poteva essere evitata, stando alle parole dei vicini le violenze erano ripetute

Home > Attualità > Cardito, bimbo ucciso di botte: ora parlano i vicini

Sono ore di ghiaccio quelle che stanno vivendo oggi gli abitanti di Cardito, la cittadina dove il piccolo Giuseppe è stato ucciso dalle botte ricevute dal patrigno. L’uomo, Tony, è un italiano che di mestiere fa il venditore ambulante. Stando alle prime ricostruzioni avrebbe ucciso il piccolo a colpi di scopa, la stessa con la quale ha massacrato di botte la sorellina 8 anni ora ricoverata all’ospedale Santobono di Napoli.

Oggi stando alle parole degli abitanti di Cardito la tragedia si poteva evitare. La mamma dei due fratellini, messa alle strette dagli inquirenti non ha potuto fare altro che confessare e confermare ciò che la figlia più grande aveva già annunciato. “Tony sembrava un diavolo. Ho cercato di fermarlo, ma non ci sono riuscita”

cardito

A quanto pare però la donna non c’è mai riuscita, i vicini infatti hanno confermato che i segnali c’erano, ed erano anche evidenti. I concittadini raccontano delle numerose liti in strada, contornate da botte. Tutta la folla, dopo aver saputo della tragedia, si è scagliata contro la casa della mamma che però, non ha fatto trapelare emozione alcuna.

bimbo-napoli

Lei stessa infatti è stata interrogata per ore prima di ammettere l’accaduto, tanto che in un primo momento ha voluto coprire il suo compagno: “sono caduti dalle scale. Non mi sono accorta di nulla” raccontava.

A parlare oltre ai vicini è il sindaco di Cardito: “Mi hanno riferito che la coppia viveva a Cardito da sei mesi – ma noi non abbiamo mai avuto nessuna segnalazione, non potevamo immaginare. Avevamo conosciuto Tony, perché quando era piccolo viveva a Cardito con la mamma e la sua famiglia era stata seguita dai Servizi Sociali. Siamo sconvolti, anche perché qui ci conosciamo tutti. Stiamo vivendo un dolore troppo grande”. Il sindaco prosegue dicendo che molte persone lo fermano in strada per offrire il proprio aiuto, soprattutto per la sorellina sopravvissuta.

Napoli-bambino-morto

Le condizioni della piccola fortunatamente stanno migliorando. Il lutto cittadino è stato già proclamato dal sindaco.