Carpi, coppia aggredita da 10 malviventi

Carpi, coppia aggredita da 10 malviventi. Lei è campionessa di boxe, li ferma e ne fa arrestare uno: "Banda messa in fuga come se fossi sul ring".

Home > Attualità > Carpi, coppia aggredita da 10 malviventi

Carpi, coppia aggredita da 10 malviventi. Lei è campionessa di boxe, li ferma e ne fa arrestare uno: “Banda messa in fuga come se fossi sul ring”. Una ragazza di 29 anni, campionessa di Muay Thai, è stata aggredita insieme al suo fidanzato da un 20enne insieme ad altri 9 ragazzi mentre si trovava fuori da un locale nella notte tra venerdì e sabato scorsi.

È successo a Carpi, provincia di Modena, la coppia è stata brutalmente picchiata a calci e pugni. Hanno riportato diverse ferite e lesioni maxillo facciali al compagno della ragazza e lei ha riportato delle ferite alla testa, la campionessa però è riuscita a fermare uno degli aggressori. Sul posto è arrivata la polizia ed hanno fermato il ragazzo, sono stati fermati altri due stranieri che erano in evidente stato di ebbrezza. Gli agenti non escludono che i due fermati facessero parte del gruppo che ha aggredito la coppia.

Rossella, ha incassato botte di ogni genere, ha subito persino una bottigliata in testa ma è riuscita a rimanere lucida, alla stampa ha dichiarato: “Li ho affrontati come sul ring”. Rossella Setti ha 29 anni e nel 2011 è stata campionessa italiana di K-1, che è una specie di arte marziale a metà tra boxe e karate che permette di lottare anche dando colpi con i piedi e le ginocchiate. Durante l’aggressione, uno dei nordafricani ha cercato di scappare in bici quando ha udito la sirena di una volante ma Rossella lo ha afferrato da un braccio e l’ha scaraventato per terra, con una presa da lotta libera, lo ha immobilizzato fino a quando un agente lo ha ammanettato.

Oggi la 29enne dirige una scuola di addestramento per cani, il suo ragazzo Mattia Polisena di 31 anni è specialista nella post produzione fotografica di una griffe di gioielli ed anche lui ha un passato di boxeur ma molto scarso: “Stavamo uscendo dal Mattatoio Culture Club, un circolo Arci in centro dove si ascolta musica. Sul palco c’erano carissimi amici nostri, gli Outlaw, band che suona pezzi dance-soul”, ha raccontato la coppia. “Pochi istanti dopo è cominciato il combattimento durato un decina di minuti”. Alla fine entrambi sono stati portati in ospedale e Mattia ha ricevuto una prognosi di 70 giorni per varie fratture agli zigomi, alle orbite e al setto. Rossella invece ha subito qualche livido e graffio.