Cattiverie contro la Minetti su Instagram: “Sei cieca, non dovevi fare figli”

È successo dopo una foto pubblicata con la piccola Elèna.

Home > Attualità > Cattiverie contro la Minetti su Instagram: “Sei cieca, non dovevi fare figli”

“Festeggio il mio 27 all’esame di oggi con la mia fan #1”. Così Annalisa Minetti su Instagram con l’obiettivo di condividere con i suoi fan un momento felice della sua vita. Invece, i cosiddetti ‘hater’ si sono dati appuntamenti sul suo profilo per attaccarla in quanto madre.

Cattiverie contro la Minetti su Instagram: "Sei cieca, non dovevi fare figli"

C’è chi ha scritto: “Cieca… non avrei messo al mondo un secondo figlio… e certo non vorrei far cose oltre la normalità solo per apparire normale. E’ una persona piena di sé”. E chi: “Io non avrei messo al mondo dei figli che non potrei mai vedere, mi sembra che si sia sposata addirittura due volte, fa mille attività, corre, canta… Credo che avrà una stregua di persone che l’aiutano… Sai, non mi va di giudicare, forse è un modo per non impazzire il suo… e fa così per non pensare”. Altro commento: “Lei può… molti comuni mortali certo non hanno le sue possibilità e… non mi piace questo suo mostrare ogni cosa”.

Cattiverie contro la Minetti su Instagram: "Sei cieca, non dovevi fare figli"

Mariastella Gelmini, ex ministro e oggi capogruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, ha difeso pubblicamente la Minetti: “Un forte abbraccio ad Annalisa Minetti, pesantemente insultata sui social network in queste ore. La sua colpa? Aver messo al mondo la picvcola Elèna. Leoni da tastiera, così meschini da giudicare il ruolo di madre”.

Cattiverie contro la Minetti su Instagram: "Sei cieca, non dovevi fare figli"

L’ex Miss Italia, nello scatto che ha condiviso su Instagram, tiene in braccia la figlia di 10 mesi, avuta dal marito Michele Panzarin. La cantante ha anche un altro figlio, Fabio, nato dal matrimonio con Gennaro Esposito.

A denunciare quanto accaduto è stato Iacopo Melio, scrittore, giornalista e attivista dei diritti dei disabili, attirando così l’attenzione sulla foto e generando di conseguenza commenti positivi e di difesa.