C’è un buco nel soffitto

"C'è un buco nel soffitto" grida il bambino. I poliziotti sono costretti a infilarsi nel buco ma quello che trovano ha fatto loro accapponare la pelle

Sfortunatamente, molti bambini in tutto il mondo vedono i loro diritti violati da adulti incoscienti, negligenti, che non mantengono il loro impegno a garantire il loro benessere. Nonostante ciò, i più piccoli mantengono la loro tenerezza e il loro candore, poiché nel loro cuore innocente c’è solo spazio per la nobiltà e la speranza di avere una vita  migliore.

Proprio come Tomás, un bambino di 4 anni che, sebbene abbandonato dai suoi genitori, si occupava delle sue sorelle più giovani, ha cercato di fare tutto il possibile per prendersi cura di loro offrendo il suo amore e protezione. È stato lui ad avvisare i vicini di essere solo e chiuso in casa con le sorelle Lourdes, 2 anni e Milena 5 mesi. Erano protetti da un cane pitbull.

Dopo che Thomas ha chiesto aiuto ai vicini , Enmanuelle Alayón, 9 anni, lo ha ascoltato e ha raccontato ai suoi genitori cosa era successo. Suo padre andò a casa e consegnò loro dei piatti con latte e cereali e chiamò immediatamente la polizia.

Quando le autorità arrivarono a casa, Thomas disse che erano rinchiusi, non aveva modo di aprire la porta, ma esclamò: “C’è un buco nel soffitto”. È così che i poliziotti sono entrati nell’edificio situato nel quartiere di Tres Esquinas a Ciudad Bolívar, Bogotá.

Hanno verificato che i tre bambini dormivano su alcuni fogli e che non avevano cibo a portata di mano. Né avevano elettricità. Erano soli da almeno una settimana. Secondo le dichiarazioni dei vicini, i genitori dei bambini sono stati visti l’ultima volta giovedì 21 novembre.

Anche se hanno assicurato che i tre bambini venivano lasciati soli in casa abbastanza frequentemente. Gli agenti di polizia hanno rimosso i tre bambini per trasferirli in un centro medico e controllare il loro stato di salute. Prima hanno preso la bambina di cinque mesi, poi sua sorella e infine Tomás.

“Ho solo un infradito,” esclamò il ragazzino mentre lo aiutavano a uscire di casa. Ha anche chiesto ripetutamente dove fossero i suoi genitori, mentre era solo in casa non capiva il motivo per cui lo avevano lasciato abbandonato con le sue sorelle che non smettevano di piangere.

I tre fratelli furono trasferiti nel centro di zona di Revivir, un istituto di protezione dell’infanzia dove ripristinarono i loro diritti. Il capo della sezione protezione e servizi speciali di Bogotà ha dichiarato: “Sono stati salvati e consegnati direttamente all’istituzione dove garantiranno il loro benessere fisico ed emotivo”.

Finora, non è ancora noto dove si trovano i genitori dei bambini.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"