Chiede aiuto a un poliziotto

Chiede aiuto a un poliziotto che le dice di salire in auto per proteggerla. Ma poco dopo lei si rende conto che la sta portando fuori città

Home > Attualità > Chiede aiuto a un poliziotto

La ragazza era stata operata dopo che le è stata diagnosticata una malformazione di Chiari, una condizione che si verifica quando c’è un’apertura nel cranio e una parte del cervello viene filtrata attraverso il canale spinale. Erano passati quattro giorni dal complesso intervento chirurgico a cui era stata sottoposta quando stava tornando da New York a Portland, nel Maine.

Durante la sua guarigione stava viaggiando a casa dei suoi genitori, quando il treno che doveva prendere era in ritardo, nel terminal faceva molto freddo e aveva bisogno di un posto dove potesse proteggersi e riposarsi. La madre di Kori chiese a un poliziotto di tenere i bagagli mentre cercavano un posto sicuro dove ripararsi. Ma l’ufficiale di polizia le ha offerto di entrare nel suo veicolo in modo che potesse proteggersi dalle temperature rigide, questo è quello che pensavano Kori e sua madre, ma in realtà l’ufficiale aveva altre intenzioni. “Sfortunatamente, il nostro treno era in ritardo di due ore e mezza. Faceva molto freddo alla stazione e non avevamo nemmeno un posto dove lasciare i bagagli. Non c’erano nemmeno posti che fossero comodi per appoggiare il collo “, ha detto Kori. Nel mezzo di questa situazione complicata, l’agente che era nel posto era diventati la loro unica speranza di trovare una soluzione. Ha promesso alla madre di Kori che l’avrebbe aiutata, avrebbe contattato il suo superiore per vedere quali soluzioni poteva prendere. Il capitano Kelly J. McCormick, un capo della polizia di Boston, arrivò sulla scena e chiese alla famiglia se potevano seguirlo.

Andarono con lui alla sua auto sportiva e lui disse: “Va bene, venite con me, facciamo una piccola passeggiata”. Pensavano che avrebbero fatto un paio di giri in macchina per tenerle fuori dal freddo, ma si sono resi conto che gli ufficiali stavano guidando verso nord e lasciando la città.

“Mia madre ha chiesto cosa stesse facendo, e dove stavamo andando, lui ha sorriso e ha detto che non ci stava rapendo e che era perfettamente legale. Ci siamo presto rese conto che stava guidando a Portland,”, ha detto Kori.

“Mi ha detto che non mi avrebbe permesso di sedermi in una stazione nel cuore della notte, in inverno, dopo il mio intervento chirurgico e che ci avrebbe portati a Portland”, ha detto. La famiglia fu impressionata dal gesto dell’ufficiale, si resero conto che aveva un cuore nobile.

Durante il viaggio hanno scambiato storie, la famiglia sapeva che era uno dei principali dirigenti superiori incaricato di gestire l’operazione durante l’attacco alla maratona di Boston. William Gross, capo della polizia di Boston, ha detto di non essere sorpreso dal gesto di McCormick , affermando che tali azioni hanno solo ribadito quanto fosse buono.

“Non è la prima volta che fa qualcosa del genere, offre sempre la sua solidarietà agli altri. È molto generoso e libero di spirito. Ha una grande anima, il sindaco ci ha permesso di promuovere i capitani in ognuno dei nostri 11 distretti, chiedendo loro di essere responsabili e dare un valore aggiunto”, ha detto il capo della polizia di Boston.

Kori e la sua famiglia saranno sempre grati per quello che ha fatto per loro in quella fredda notte. “Grazie Kelly McCormick, che Dio ti benedica e ti protegga nello stesso modo in cui hai benedetto e protetto tanti altri “, ha detto Kori in un messaggio che ha pubblicato sui suoi social network e che presto è diventato virale.

Vale la pena condividere atti di solidarietà come ha fatto questo ufficiale, dietro la sua sobrietà e la sua uniformità si nasconde un essere umano sensibile.