Chiede aiuto per ritrovare il suo bambolotto

Chiede aiuto su internet per ritrovare il suao bambolotto, la storia che si nasconde dietro quel giocattolo ha commosso migliaia di persone

Home > Attualità > Chiede aiuto per ritrovare il suo bambolotto

I giocattoli sono molto più di un semplice oggetto per bambini. Diventano una parte indispensabile della loro vita, nella misura in cui non possono immaginare un secondo senza avere il loro giocattolo preferito al loro fianco, specialmente quando li hanno accompagnati nei momenti più difficili. Questo è il caso di una ragazza di 13 anni, particolarmente affezionata ad un peluche.

Bryanna Ramírez è nata con una condizione in cui il suo cervello è troppo grande per il suo cranio, il che l’ha costretta a subire molte operazioni. Da quando aveva solo 18 mesi, ha subito 40 interventi al cervello, e al suo fianco aveva sempre la sua bambola Minnie preferita, senza immaginare che un giorno l’avrebbe persa.

Sua madre, Niki Dougherty-Ramírez, sa quanto sia speciale la bambola per la ragazza e quindi ha deciso di chiedere aiuto su tutti sui social media per aiutarle a ritrovarla. Quando la madre ha chiesto alla community Facebook di aiutarla a trovare minime, l’hashtag #FindMinnie è diventato una tendenza sulle reti.

Niki ha postato una foto di sua figlia, accanto alla sua bambola, specificando che l’ultima volta si trovavano al ristorante Chick-fil-A su Horizon Boulevard, vicino al centro commerciale Neshaminy. Il locale si è unito alla causa e offre un premio: $ 250 e cibo gratis per un anno a chiunque trovi la bambola.

Dopo un’intensa ricerca, la bambola è stata trovata pochi giorni fa dalla sorella minore di Bryanna: era nella sua stanza sotto una pila di vestiti.

“Bryanna avrebbe dovuto mettere Minnie sul divano, sopra le pile di vestiti che dovevano poi essere riposti. Ieri sera mia figlia più piccola è andata a prendere il suo pigiama e ha trovato Minnie “, ha detto la madre.

Molti degli amici e dei follower sui social media, che hanno aiutato a cercare la bambola nei dintorni di Levittown, in Pennsylvania, dove si credeva che Minnie fosse scomparsa, erano felici ed entusiasti della bella notizia. La famiglia, e in particolare Bryanna, sono lieti che la ricerca sia finita.

“Siamo rimasti tutti scioccati e più che felici quando abbiamo recuperato la bambola. Le mancava quel luccichio negli occhi, era così bello vederla sorridere di nuovo”, ha detto la madre.

“Gli ultimi tre mesi di Bryanna in ospedale hanno incluso 10 interventi chirurgici al cervello, ed è stata a casa a riprendersi negli ultimi due mesi. Non c’è niente di più bello del sorriso di un bambino, soprattutto dopo aver affrontato tante battaglie. I nostri migliori auguri sono con te piccola!”

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI