Cieca e con idrocefalia

Un caso che è d'ispirazione, una bambina ha superato grandissimi ostacoli, dopo essere nata cieca e con microcefalia

Essere una madre è sempre una benedizione, perché porti in te un piccolo essere che ti farà ripensare alla tua intera esistenza e che avrà sempre un posto speciale nel tuo cuore. Una ragazza di 23 anni non immaginava cosa avrebbe portato la maternità, la sua vita sarebbe stata piena di benedizioni, ma anche di sfide.

Angie Ardolf ha incontrato il padre di sua figlia all’università, si era laureata pochi DA mesi e lavorava come stagista per le pubbliche relazioni quando è rimasta incinta, in quel momento pensava che non fosse pronta per essere madre. Prese un appuntamento con una clinica dove interrompevano le gravidanze, ma non lo fece, sapeva che doveva superare questa gravidanza, anche se ciò significava farlo da sola. Quando ha detto al padre che era incinta, si è trasferito fuori dallo stato. Il giorno della sua prima ecografia, il medico la informò che il bambino era più piccolo di quanto ci si aspetterebbe in quella fase della gravidanza. Più tardi quel giorno, ha scoperto la notizia devastante che il padre di suo figlio era morto. Sfortunatamente, non ha avuto molto tempo per affrontare questa terribile perdita. Al suo successivo appuntamento dal medico, ha sentito le parole che nessun padre vorrebbe sentire. “Sua figlia ha microcefalia, i suoi ventricoli cerebrali sono dilatati, ha un’ostruzione intestinale e i suoi reni sono piccoli. Sarà gravemente disabilitata”, le disse il dottore.

L’11 novembre 2004, è nata Ruby, 7 settimane prima. Quella notte un’infermiera ha confermato che, oltre ad avere microcefalia, Ruby era anche cieca. Nei primi giorni della sua vita, Ruby ha sofferto le procedure più dolorose per qualsiasi bambino, inclusa la chirurgia per riparare l’ostruzione intestinale. I suoi test genetici sono stati inconcludenti, ma gli è stata diagnosticata clinicamente la sindrome di Stromme, una malattia genetica che colpisce più sistemi del corpo e si presenta come una ciliopatia.

Era così raro al momento che solo altre tre persone nel mondo avevano la diagnosi. Dopo 56 giorni in ospedale, la ragazza riuscì finalmente a tornare a casa . Quel primo anno fu un turbine di terapie e appuntamenti medici. Nonostante il fatto che Ruby continuasse a crescere e svilupparsi sulla propria linea temporale, i medici hanno continuato a essere pessimisti riguardo al loro futuro.

“Non ho mai lasciato che le sue parole mi impedissero di fare tutto il possibile per Ruby. L’ho portata alla professione e alla logopedia due volte a settimana per anni, e con sorpresa di tutti, tranne mia, Ruby ha iniziato a camminare all’età di 3 anni e a parlare allèetà di 4 “, ha detto Angie.

Oggi Ruby è una ragazza di 14 anni con una personalità vibrante e uno spirito luminoso. Non solo cammina e parla, ma racconta barzellette, cavalca, aiuta a prendersi cura del suo cane e va al cinema con i suoi amici. Anche se non sarà mai completamente indipendente, sua madre continuerà a sostenerla.

“Alcune persone potrebbero dire che ho salvato Ruby, ma la verità è che Ruby mi ha salvato. Mi ha mostrato come superare il dolore e la tristezza “, ha detto Angie. Mentre cresce Ruby, continuerà a dimostrare di essere in grado di superare ostacoli e fare cose incredibili come la guerriera che è.

Condividi questa storia stimolante con tutti i tuoi amici e ricorda che per l’amore di una madre non ci sono ostacoli abbastanza grandi.

L'ex Miss America e attrice Leanza Cornett è morta a 49 anni

Roberta Ragusa: le parole di Sara Calzolaio per Antonio Logli

Lockdown soft entro il 10 novembre: cosa prevede

Jessica Ponzoni: muore a 25 anni a causa di un incidente stradale

Toscana: una sola persona per famiglia può fare la spesa al supermercato

Bimba ha ingoiato cocaina: era della madre

Luca Argentero e Cristina Marino indignati: "Hanno pubblicato Nina"