Condannato ingiustamente

Condannato ingiustamente, esce di prigione dopo 17 anni e diventa ricco. Tutti quegli anni persi per un'assurda coincidenza alla quale nessuno avrebbe creduto.

Home > Attualità > Condannato ingiustamente

Alcuni mesi fa, il mondo intero è rimasto scioccato dal caso di Richard Jones. Jones è un uomo che è stato imprigionato per reati di rapina, anche se quando è successo si trovava a diversi chilometri di distanza pacificamente riunito con la sua famiglia e amici a casa della sua ragazza. Fortunatamente, la sua vita ora cambierà e riceverà una grande ricompensa per tutti i danni subiti.

Richard vive nello stato del Kansas negli Stati Uniti. Jones ha trascorso 17 anni in prigione per un crimine che non ha commesso. Oggi la ragione sembra difficile da credere: assomigliava semplicemente alla vera persona responsabile del crimine. “Era un uomo ispanico o afroamericano dalla pelle chiara di nome Rick. I suoi lunghi capelli sono stati tirati indietro.” La sfortuna di Richard Jones, è che si rivelò essere troppo simile al ladro non solo nell’aspetto fisico ma anche nel suo nome poiché le indagini riuscirono a indicare che il soprannome del ladro era Rick. Fortunatamente, l’Università del Kansas ha deciso di prendere il caso di Jones come parte del Progetto per l’innocenza che è responsabile per la disfatta dei casi di persone che sono state ingiustamente imprigionate. Richard era a Kansas City, mentre la rapina si svolgeva nella città di Roeland Park. Dopo molte indagini riuscirono a trovare il vero ladro: Ricky Lee Amos e oltre a confermare che poteva davvero sembrare il doppio di Jones, viveva nell’area dove il furto era stato perpetrato.

I testimoni si presentarono con le fotografie di entrambi gli uomini e molto confusi accettarono che non c’era modo di distinguerli l’uno dall’altro. Da allora Jones è tornato ad essere un uomo libero. Durante i suoi anni di carcere, Jones ha richiesto tutti i possibili appelli, ottenendo sempre una risposta negativa.

Dopo la celebrazione emotiva con i suoi cari, Jones ha intentato una causa in agosto chiedendo che lo Stato gli dia un indennizzo di 1,1 milioni di dollari. Mentre era in prigione, le figlie di Jones crebbero e lui diventò addirittura nonno. Non ha potuto assistere ai momenti importanti della sua famiglia.

“La cosa più difficile era non poter essere vicino alle mie figlie “. Fortunatamente, dopo una lunga lotta, il procuratore generale del Kansas ha rilasciato una dichiarazione in cui annunciava le misure di compensazione per Jones. “Il signor Jones deve ricevere i benefici a cui ha diritto per legge perché è stato condannato per errore .”

In aggiunta a più di un milione di dollari, Jones riceverà un certificato di innocenza e il suo arresto verrà cancellato per contribuire a ripulire il suo nome. Jones ha originariamente richiesto $ 65.000 come risarcimento, ma per quei lunghi anni in prigione ne otterrà molti di più.

Celebriamo che dopo tanti anni, la giustizia è stata finalmente fatta per l’uomo che non avrebbe mai dovuto essere incarcerato. Ora, grazie a questo compenso meritato, Jones può ricominciare la sua vita. È un peccato quello che è successo e non potrà mai recuperare tutti gli anni che ha passato in prigione, ma questo risarcimento sarà una tregua per la famiglia.