Cosa pubblica una persona con scarsa autostima

Basta guardare un profilo FB per rendersi conto se la persona in questione è infelice, se ha bassa autostima o cerca attenzione. Uno studio ha confermato che per quanto tu finga, se pubblichi queste cose, c'è qualcosa che non va.

Ti sei mai chiesto se i tuoi post su Facebook sono visti come un grido di aiuto o disperazione o se sono interpretati come pensi? I social network sono diventati per molti la fuga verso la falsa felicità e anche se non ci credi, le persone che prestano attenzione alle tue pubblicazioni possono distinguere se usi solo una foto per apparire o ti stai davvero divertendo.

Sicuramente tra i tuoi amici ne hai uno o due che ogni giorno mette frasi strappalacrime che sembrano essere dedicate a qualcuno, ma all’improvviso posta una foto dove abbraccia il suo partner, e sebbene lei o lui non se ne accorga, chi naviga su Facebook capisce spesso che la sua apparente felicità non è reale.

MA OLTRE A CIÒ, QUALE ALTRO ASPETTO INDICA CHE SEI INFELICE?
Carichi troppi selfie
Secondo una ricerca dell’Università di Brunel a Londra, gli scienziati hanno stabilito che coloro che postano più di due selfie durante il giorno o circa cinque alla settimana tendono ad avere una bassa autostima. Secondo gli esperti, lo fanno per ottenere l’approvazione dei loro contatti attraverso un like o un commento.

Allusioni senza destinatario
La condivisione di immagini o parole che alludono a una situazione o a una persona è un altro sintomo di insicurezza e quindi di bassa autostima. Non è utile postare tali immagini, perché mostrano solo che non hai il coraggio di parlare del problema o di affrontare la situazione per paura del rifiuto.

Avere un gran numero di “amici” (che sicuramente non conosci)
Secondo i ricercatori, le cifre su Facebook sono molto fuorvianti. Avere un gran numero di contatti non è sinonimo di popolarità, e meno di una sana vita sociale. Coloro che accettano una persona senza conoscerla direttamente, mostrano solo il loro interesse o desiderio di attirare più attenzione possibile attraverso una cerchia più ampia di amicizie.

Pubblicare i propri risultati (in eccesso)
Rendere pubblico un evento significativo non è male. Tuttavia, quelli che lo fanno ripetutamente sono gli stessi che confondono il successo con la fama. Il loro modo di fare dimostra che hanno bisogno del riconoscimento degli altri per qualificare la propria performance nella vita.

Vantarsi dei beni materiali
Il denaro e gli oggetti non definiscono la qualità di una persona. Tuttavia, quando i contenuti dedicati a ciò che è stato acquisito sono troppi, lungi dal generare gioia tra i contatti, ciò implica un conflitto di autostima. Pubblicare i beni materiali a cui hai accesso è un grido disperato di accettazione, basato su ciò che hai e non su ciò che sei.

Pubblicare quello che stai mangiando
Le persone che caricano fotografie dei piatti, prima, durante o dopo aver mangiato, hanno gravi problemi di autostima. Il loro atteggiamento suggerisce che per loro il tempo libero ha molto più peso del fatto di condividere il tempo con qualcuno o di godersi il momento.

Commentare o approva il proprio post
Al contrario, coloro che commentano se stessi non sono solo narcisistici, ma mostrano anche una grande insicurezza. Cercano davvero di rafforzare la propria opinione perché in fondo la credono debole e inutile.

Partecipare alle sfide
La sfida del libro, La sfida di Netflix, La sfida del secchiello del ghiaccio e innumerevoli sfide hanno avuto luogo su Facebook e altri social network. Nonostante la loro popolarità, unirsi o parteciparvi in ​​modo intercambiabile riflette solo la necessità dell’utente di essere costantemente sotto i riflettori.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

Reggio Calabria: trova un "Gratta e Vinci" del padre defunto ma non può incassarlo

L'ultimo saluto a Marika Galizia, mamma morta a 27 anni durante il parto

L'ultimo saluto a Marika Galizia, mamma morta a 27 anni durante il parto

Omicidio di Chiara Ugolini: Emanuele Impellizzeri si uccide in carcere

Omicidio di Chiara Ugolini: Emanuele Impellizzeri si uccide in carcere

Ancona, Irene Emili è morta a 20 anni, dopo aver accusato un forte mal di testa

Ancona, Irene Emili è morta a 20 anni, dopo aver accusato un forte mal di testa

La denuncia di una madre, per l'errore dei medici alla sua bambina

La denuncia di una madre, per l'errore dei medici alla sua bambina

Sonia Bruganelli lacrime a Verissimo: "Mia figlia ha avuto un infarto"

Sonia Bruganelli lacrime a Verissimo: "Mia figlia ha avuto un infarto"

Giacomo Sartori: ancora troppi gli interrogativi sulla sua morte. Nessuna denuncia

Giacomo Sartori: ancora troppi gli interrogativi sulla sua morte. Nessuna denuncia