Cose ripugnanti che facevano le donne nell’antichità

Molte persone non si sentono completamente sveglie al mattino finché non fanno la doccia, si pettinano e si lavano i denti. Oggigiorno è difficile immaginare di stare più di uno o due giorni senza fare una di queste cose, molto meno un anno intero o una vita. Tuttavia, esattamente questa era la routine per molti dei nostri antenati.



Ovviamente, avevano standard significativamente diversi dai nostri. Prima dell’emergere di impianti idraulici, elettricità e ricerca medica, l’igiene personale era a dir poco spiacevole. Senza le comodità che ci circondano quotidianamente, la gente ha dovuto ricorrere a pratiche davvero strane. Ecco alcune abitudini dell’epoca che oggi giorno riterremo disgustose. 1. Si lavavano estremamente poco
Le autorità cristiane permisero alle persone di fare il bagno per la propria igiene e la salute, ma ovviamente era assolutamente vietato avere rapporti intimi in tali luoghi. Perciò alle donne è stato vietato l’accesso alle strutture pubbliche di igiene. Nel tempo, le restrizioni sono peggiorate; Ai cristiani fu proibito di lavarsi senza vestiti e, in generale, la chiesa cominciò a disapprovare l’eccessiva “indulgenza” nell’abitudine di fare il bagno. Perciò la chiesa medievale cominciò a proclamare che il bagno pubblico conduceva all’immoralità, alle relazioni e alle malattie promiscue. Inoltre, le donne rimanevano diversi mesi senza lavare le loro parti intime, perché secondo questa premessa, l’igiene intima poteva renderle sterili. 2. L’odore era insopportabile
Per evitare la nausea e la natura peccaminosa del bagno, la gente ha iniziato a usare stracci profumati per strofinare i loro corpi e profumi per mascherare l’odore.

Tuttavia, non era abbastanza, poiché la popolazione cominciò a emanare un odore di marciume abbastanza rapidamente. Come se ciò non bastasse, le strade delle città tendevano a essere coperte di escrementi e di urina grazie alle persone che gettavano il contenuto dei loro orinatoi attraverso le finestre, provocando correnti disgustose di acqua torbida. Inoltre, alcune persone erano costrette a mettere dei fazzoletti profumati sotto il naso per evitare di vomitare quando lasciavano le loro case. Se ciò non bastasse, i macellai uccidevano gli animali nelle strade e lasciavano lì i resti inutilizzabili e il sangue sul terreno, che iniziava a marcire nel tempo.

abitudini igieniche nell'antichità

3. Test di gravidanza
Prima dell’invenzione dei dispositivi attuali, il test più affidabile era aspettare e vedere. Tuttavia, c’erano alcuni rimedi spiacevoli per le donne. Uno dei più eclatante era molto popolare in Egitto. Se una donna sospettata di essere incinta doveva inserire una cipolla o un altro ortaggio dal forte odore, nelle parti intime e tenerlo lì per tutta la notte. Se la mattina dopo, il suo alito emanava un odore sgradevole di cipolla, non era incinta. Questo era basato sull’idea che attraverso la pancia l’odore giungeva alla bocca come se fosse una galleria ventilata. In caso di gravidanza, la “galleria” sarebbe stata chiusa e la puzza non poteva raggiungere la bocca.

abitudini igieniche nell'antichità

4. Metodi contraccettivi
Le donne di culture antiche usavano una varietà di metodi insoliti per prevenire la gravidanza, con diversi livelli di successo e igiene. Le femmine dell’Antico Egitto utilizzavano escrementi di coccodrillo come soluzione, mescolati con pasta madre, spruzzavano la miscela nelle loro parti intime per impedire che gli spermatozoi raggiungessero l’utero. Altri popoli dell’India usavano le feci di elefante. Nonostante sia malsano, alcuni ricercatori pensano che la natura alcalina degli escrementi poteva in qualche modo rendere più difficile il concepimento, mentre altri sostengono che l’aumento del pH naturale acido delle parti intime, aumenta le probabilità di rimanere incinta, in quanto l’alta alcalinità è di benefico per gli spermatozoi.

abitudini igieniche nell'antichità

5. Il ciclo
Non sorprende che ci fosse una grande vergogna religiosa associata al ciclo, in particolare nel cristianesimo medievale. A causa dell’orrore generato dal sangue stesso, non sorprende che le donne facessero di tutto per nascondere le loro mestruazioni alla vista pubblica. Nell’Europa medievale, le donne portavano erbe aromatiche patchwork intorno al collo e alla vita, sperando che neutralizzassero l’odore del sangue e provavano a contenere i flussi pesanti con alcuni farmaci, come la polvere delle rane. Per il sud dell’India, ad esempio, veniva eseguito un rito di purificazione ogni volta che una donna raggiungeva la pubertà. Dovevano strofinarsi i denti, fare i gargarismi e lavarsi con il letame, e raggiungere il fiume diverse volte.

abitudini igieniche nell'antichità

6. Il barbiere: dottore e dentista
Durante il Medioevo, dentisti, medici e barbieri erano tutti la stessa persona. E poiché non c’era anestesia e la compressione medica era piuttosto cruda, tutto era certamente spiacevole. I “chirurghi barbieri” erano responsabili del trattamento delle ferite dei soldati durante e dopo i combattimenti. Ovviamente, c’era un altissimo tasso di mortalità a causa della perdita di sangue e delle infezioni. Uno dei rimedi più usati era l’uso di sanguisughe su ferite e sanguinamento, lo scopo era fondamentalmente quello di far sanguinare una persona per curare le malattie.

7. Acconciature
Nel diciassettesimo secolo, le donne erano molto attente quando si trattava di avere un’acconciatura, poiché erano molto complicate da fare. In effetti, c’erano barbieri o parrucchieri che impiegavano ore a impilare i capelli, dovendo usare supporti speciali per tenerli. Questo è il motivo per cui le donne tenevano queste acconciature per settimane o addirittura mesi, il che ha portato una grande parte della popolazione a contrarre i pidocchi a causa della mancanza di igiene. Inoltre, era anche abbastanza comune usare alcuni rimedi, come la cenere o la senape, per lavarli, perché in quel momento non c’era alcun tipo di shampoo.