Danno un bebè a una donna anziana

Danno un bebè a una donna anziana con l'Alzheimer per prendersi cura di lui fino alla morte. Qualcuno era titubante, ma quando hanno capito e viso queste immagini, migliaia di persone hanno appoggiato la decisione commosse

Home > Attualità > Danno un bebè a una donna anziana

L’Alzheimer è una terribile malattia progressiva di solito sofferta dagli anziani. È caratterizzato da un mutamento della memoria, diminuendo anche importanti funzioni mentali e cognitive, trasformando una persona autosufficiente in una persona che richiede attenzione e compagnia continue.

Purtroppo, questa terribile malattia non ha cura. Hanno solo trattamenti per ridurre la sua evoluzione o far fronte al difficile quadro clinico che l’Alzheimer rappresenta. Tuttavia, una donna di nome Sandy Brandon, ha avviato il progetto “Pearl’s Memory Babies” , in onore di sua suocera che ha sofferto di Alzheimer negli ultimi anni della sua vita. Con l’esperienza di sua suocera, Pearl, nella casa di cura, si accorse di avere una risposta positiva e migliore alla realtà, quando si trovava in mezzo a cose a cui poteva dare amore o affetto. Per questo motivo, Sandy ha dato a sua suocera decine di giocattoli come neonati e animali di peluche, per farla divertire. La situazione di Pearl era più sopportabile grazie ai bambini giocattolo. Riusciva a interagire di più, e continuava ad abbracciare e prendersi cura del suo bambino, fino al giorno della sua morte. Dopo la morte di Pearl, Brandon voleva continuare ad aiutare gli anziani con la malattia. Si è unita a un collega, Shannon Blair, per avviare il progetto. Blair era interessata all’iniziativa perché sua madre soffre di Alzheimer e ritiene che sia un’ottima idea condividere questo tipo di terapia con tutto il mondo. Le donne hanno portato il progetto di Pearl’s Memory Babies alla geriatria in cui la madre di Blair è stata ricoverata per incoraggiare più anziani che soffrono di questa terribile malattia.

La geriatria scelta si chiama Park Terrace Health Campus, e grazie a diverse foto che hanno condiviso su Facebook , possiamo vedere la gioia nei volti degli anziani quando ricevono il loro giocattolo. La maggior parte è diventata molto affezionata al loro bambino o cucciolo e ha dato loro un sacco di abbracci.

Avendo contatti con i giocattoli, gli anziani si comportano come se stessero recuperando qualcosa, qualcosa che la loro memoria gli ha tolto. Grazie ai giocattoli, gli anziani in questa casa di cura si sentono consolati in quei giorni difficili causati dalla malattia.

“Oggi consegniamo 28 bambole e 4 cuccioli nella geriatria della madre. Mi sono sentita onorata quando Sandy mi ha chiesto aiuto. Non ho parole per ciò che ho vissuto oggi. Sono sorpresa dalla sua passione per le persone colpite da questa malattia. Sono anche sorpresa di quanto li ami. Grazie Sandy per aver fatto la differenza e aver condiviso il tuo bellissimo cuore con così tante persone oggi. È un giorno che non dimenticherò mai “, ha scritto Shannon sul suo profilo Facebook .

L’iniziativa ha interessato molte persone nei social network, in modo che le donne motivate a creare la propria pagina Facebook, per condividere i progressi del progetto, possano aiutare nuovi anziani. Sandy ha anche creato una pagina in GoFundMe per tutti coloro che desiderano aiutare il progetto e generare un nuovo sorriso di fronte ai nonni gentili.

Ci commuoviamo e speriamo che altri nonni abbiano l’opportunità di dimenticare la loro sofferenza e tenere a mente l’amore che possono offrire. Successivamente, un video tenero che riprende la reazione degli anziani con Alzheimer con i loro giocattoli.

È incredibile che un giocattolo sia in grado di confortare e incoraggiare una persona con l’Alzheimer! Condividi il bellissimo progetto di Sandy con i tuoi amici!