Desirée Piovanelli, dopo 17 anni la traccia di un altro Dna

Sul gomito di Desirée, un nuovo dna mai analizzato prima

Home > Attualità > Desirée Piovanelli, dopo 17 anni la traccia di un altro Dna

AGGIORNAMENTO 30 marzo: Vi avevamo gi√† anticipato che il pap√† di¬†Desiree Piovanelli, aveva richiesto una revisione sul caso di sua figlia, perch√© secondo lui c’era qualcun altro coinvolto, un mandante, dietro un losco giro di pedofilia. Dopo ulteriori indagini, √® stata analizzata una traccia sul cappotto di Desiree, mai analizzata prima. I Ris hanno individuato, sul gomito e sul costato, un dna mai analizzato prima, che appartiene ad un’altra persona, diversa dai colpevoli, accusati dell’omicidio della ragazza. Ricordiamo che tre minorenni hanno gi√† scontato, mentre Erra si trova ancora in carcere, a scontare il suo ergastolo. Adesso, grazie a questo ignoto, ci sar√† la revisione del caso e, quindi, della condanna.

AGGIORNAMENTO 6 marzo:¬†¬†Chi non ricorda la storia di questa quattordicenne, Desiree Piovanelli, che nell’anno 2002, √® stata trovata senza vita in una casetta abbandonata a Leno, in provincia di Brescia. Il pap√† oggi richiede che vengano riaperte le indagini, perch√© crede che ci sia qualcun’altro coinvolto nella vicenda, un mandante e che la sua bambina sia stata vittima di pedofilia.

L’uomo qualche settimana fa ha sporto denuncia alla polizia, perch√©, al rientro a casa, ha trovato al cancello della propria abitazione, un fantoccio con un teschio impiccato. Un messaggio inquietante che ha lasciato una scia di preoccupazione, visto che pap√† Maurizio Piovanelli, aveva appena richiesto ulteriori indagini sul caso della sua bambina. Non √® stato l’unico, ricordiamo che per la vicenda, vennero condannati tre ragazzi minorenni, che hanno gi√† scontato la propria pena e un uomo di cinquanta anni, che √® stato arrestato con una condanna di trenta anni di reclusione. Oggi il detenuto Giovanni Erra, accusato di aver ucciso Desiree, perch√© avrebbe opposto resistenza al suo tentativo di violenza, ha richiesto, tramite i suoi avvocati, una revisione del processo. Dopo ben 17 anni, dal ritrovamento del corpo della giovane, colpita a morte, violentata e poi accoltellata, Erra dichiara dal carcere, che la sentenza dei giudici, secondo i quali, quindi, lui avrebbe ucciso la giovane, perch√© opponeva resistenza, che vuole la verit√†! “E’ tempo di verit√†.¬†√ą una verit√† processuale che non convince, perch√© √® altamente probabile che nella Cascina Ermengarda sia successo qualcosa di diverso, da quanto finora sancito dalla Giustizia”, ha dichiarato tramite i suoi avvocati, che hanno richiesto una revisione del caso.

A quanto sembrerebbe, l’uomo incolpato dell’uccisione di Desiree e il suo pap√†, sono d’accordo. Secondo Maurizio, dietro l’omicidio della sua bambina c’√® qualcosa di grande e ci sono coinvolti, ancora in giro!

La cosa che pi√Ļ preoccupa adesso, √® il messaggio inquietante del fantoccio, dopo la richiesta di Maurizio.

L’uomo ha denunciato l’episodio ed ora √® tutto nelle mani delle autorit√†.

Leggete anche: I medici hanno fatto tutto il possibile, ma la piccola Hollie non ce l’ha fatta