dimenticano l’acqua e la tovaglietta

"Mio figlio è arrivato da scuola piangendo disperatamente. Quando mi ha raccontato quello che era successo, sono rimasta scioccata! Com'era possibile che la direttrice lo avesse punito in quel modo per colpa mia?"

Home > Attualità > dimenticano l’acqua e la tovaglietta

Un caso recente riguardante la decisione del direttore di una scuola dopo che 4 bambini hanno violato la norma obbligatoria per avere il diritto di pranzare. L’accaduto ha  incendiato le reti sociali. L’incidente è avvenuto nella città di Andacollo, nella provincia argentina di Neuquín. I 4 bambini avevano tra i 7 e i 10 anni e frequentavano la terza e la quarta elementare.

Nell’istituzione educativa, i bambini hanno la norma obbligatoria di portare un tovagliolo e una bottiglia per l’acqua, al fine di avere il diritto di pranzare. E quella semplice dimenticanza da parte dei loro genitori era abbastanza perché il direttore decidesse di lasciarli senza mangiare. Il direttore della scuola pubblica n. 28, identificato come María del Carmen M., riteneva che la violazione della norma fosse così grave da meritare di essere punita. E non ha avuto idea migliore, di fronte a tutti gli studenti, che espellere i bambini dalla sala da pranzo e mandarli a casa a stomaco vuoto, ma non prima di scrivere una nota indirizzata ai loro genitori: “Famiglia: oggi Miguel non ha rispettato gli accordi per rimanere nella sala da pranzo. Si ritira 12:50. Per favore fatte attenzione che portino sempre il tovagliolo e la bottiglia per l’acqua, “diceva la nota. Come previsto, l’atto ha sollevato la rabbia e l’indignazione di molti genitori. E hanno pubblicato il fatto su Facebook. “Questa è la nota che mia figlia ha portato. Senza mangiare per non aver portato un tovagliolo. Questo è quello che fanno in quella scuola, lo pubblico in modo che tutti lo sappiano “, scrisse una madre. Mariana Sepúlveda, una delle madri dei bambini puniti, ha raccontato la sua esperienza ai media. E raccontò come la donna spietata li aveva fatti alzare dal tavolo e portarli nel suo ufficio, dove scrisse le note nei loro quaderni.

“Mio figlio è arrivato al mio posto di lavoro piangendo”, ha detto Mariana. Ha detto che anche altri 2 sono arrivati ​​a piangere e hanno dovuto aspettare che i genitori uscissero dal lavoro per mangiare qualcosa. Un altro comprò un biscotto sulla strada per sopportare la fame.

Dopo tutto quello che è successo, i genitori sono andati ad incontrare la direttrice. E dopo essersi assunti la propria colpa per la dimenticanza, le fecero notare che il suo atteggiamento non era affatto corretto e che avrebbe potuto risolvere il problema in un altro modo, ma che lasciare i bambini senza cibo, lasciava molto a desiderare nella sua capacità di essere umana.

Anche se il direttore si scusò, i genitori non rimasero calmi, poiché non era la prima volta che accadeva. Quindi hanno inviato un reclamo formale: “I nostri bambini hanno subito danni morali e sono stati umiliati da questa direttrice, che ha negando loro il cibo. Chiediamo una sanzione per tale persona per non avere un po’di sensibilità nei confronti dei nostri figli “, hanno scritto i genitori.

Alla fine, la loro richiesta è stata ascoltata e la donna è stata sospesa dall’incarico venerdì. Tuttavia, le polemiche nelle reti non hanno tardato ad arrivare. “Un piatto di cibo scolastico … è per alcuni ragazzi l’unica cosa che mangiano durante il giorno … Non puoi essere una persona così cattiva … un campanello d’allarme va bene, ma negare loro il cibo è inammissibile”, ha detto una persona.

Ma, altri non hanno smesso di incolpare i genitori: “Se sai che il cibo di tuo figlio dipende da questo, come può accadere una dimenticanza del genere! Ci sono priorità. Sì, è dura e scioccante la decisione della direttrice, ma allo stesso tempo questi genitori non dimenticheranno mai più di mettere acqua e tovaglioli. In ogni luogo ci sono dei regolamenti e sfortunatamente siamo abituati a ignorarli”, ha scritto un altro utente.

E cosa ne pensi della decisione di questo insegnante su come far imparare la lezione ai bambini? Condividilo!