dopo 42 anni di carcere, vengono dichiarati innocent

Zio e nipote, dopo 42 anni di carcere, vengono dichiarati innocenti e riacquistano la loro libertà. Il video del momento in cui viene data loro la notizia ha fatto il giro del web

Home > Attualità > dopo 42 anni di carcere, vengono dichiarati innocent

Nel 1976 la vita di Clifford Williams e del nipote Hubert Myers cambiò per sempre. Entrambi erano ad una festa di compleanno quando udirono un forte litigio solo un paio di case di distanza. Qualcuno stava agendo contro la vita di Jeanette Williams e Nina Marshall . Clifford adesso ha 76 anni mentre Hubert ne ha 61.

Marshall fu trasferita in un ospedale e riuscì a sopravvivere. Jeanette morì all’istante. Una volta che le autorità iniziarono a condurre le loro indagini, Marshall identificò Clifford e Hubert come i colpevoli. Lo zio e suo nipote non smisero di sostenere che erano innocenti e non avevano nulla a che fare con ciò che era successo, ma la giustizia non li ascoltò. Il primo processo è stato dichiarato nullo ma mesi dopo sono stati condannati. Ora, dopo 42 anni di ingiusta detenzione, il loro caso è stato riaperto da un giudice che ha deciso che non c’erano prove sufficienti e ha annullato le condanne. Non sono stati divulgati i particolari del caso, ma al processo, è stato affermato che non vi era alcuna prova fisica trovata sulla scena che collegasse i due uomini all’omicidio. Minuti prima di ricevere la migliore notizia della loro vita, Hubert era estremamente teso temendo che in qualsiasi momento le cose sarebbero cambiate e avrebbero dovuto tornare alla vita difficile dietro le sbarre. “Ho paura. Mi sento ancora in prigione. Voglio stare con la mia famiglia e non avere un ufficiale che mi dica cosa devo fare.” Entrambi ricevono la notizia in mezzo alle lacrime e non riescono a credere di poter essere di nuovo liberi.

Quando finalmente lasciano la prigione,Hubert bacia la terra e ringrazia il cielo per aver riconquistato la sua libertà.

” Volevo solo uscire e stare con i miei figli. Sono loro che mi hanno sempre sostenuto “. Per molti anni entrambi i figli hanno cercato di lottare per la loro innocenza, ma la permanenza in carcere ha fatto perdere i contatti con molti dei loro parenti .

“Mia madre è morta mentre ero in ergastolo.” Celebriamo la meritata libertà di due innocenti che sono stati imprigionati senza prove concrete. Ora, circondati dalla loro famiglia, possono iniziare una nuova vita .

Condividi questa notizia per chiedere che il sistema giudiziario garantisca la sicurezza di tutti e non consenta più incarcerazioni di persone innocenti.