Dopo l’esame abbiamo pianto insieme

"Dopo l'esame abbiamo pianto insieme": crea un metodo speciale perché il suo studente cieco potesse studiare e superare l'esame con il resto della classe

Le disabilità non dovrebbero essere motivo per cui un bambino rimanga indietro nei propri processi di apprendimento. Pertanto, il modo tenero in cui un insegnante ha cambiato le dinamiche delle sue classi per integrare il suo studente cieco, ha guadagnato centinaia di seguaci e applausi nei social network.

Si chiama Fabiana Rocha, insegnante di geografia presso la scuola Mario Schenberg di Carapicuíba, a San Paolo, in Brasile, e per quattro mesi ha incontrato Nathan. Il ragazzino cieco si è unito al suo gruppo di studenti e Fabiana ha fatto tutto il possibile per aiutarlo a sentirsi a proprio agio.

All’interno dell’istituzione, il metodo di insegnamento è in qualche modo chiuso ma Fabiana ha deciso di documentarsi e ha incluso le trame come metodo pratico per garantire l’insegnamento del ragazzo e che fargli sentire che non era svantaggiato di fronte ai suoi compagni di classe.

L’educatrice ha dedicato tempo extra alla creazione di strumenti tattili al 100% che possono essere utilizzati per spiegare le lezioni a Nathan. “Ho iniziato a ricercare, studiare, creare ed estrarre i primi materiali: grafica con varie trame (EVA con luminosità, sfocatura, levigatezza, ecc.), Piramidi Lego, mappe con divisioni in file e grani (fagioli, mais, ecc.), tra gli altri “, ha commentato l’insegnante.

L’idea è venuta pochi giorni prima di applicare un test finale al gruppo scolastico. Fabiana ha capito che la questione poteva rappresentare uno svantaggio per il ragazzo, quindi ha persino progettato un esame speciale per lui. “Alla fine del test ha pianto, mi ha ringraziato per avergli fatto il materiale e abbiamo pianto insieme sapendo che ho superato un ostacolo all’inclusione nell’istruzione”, ha detto Fabiana.

Durante la valutazione Nathan ha potuto essere guidato grazie al materiale tattile che gli faceva comprendere il contenuto che aveva ricevuto nelle lezioni di geografia. In questo modo, lo studente è riuscito a rispondere a tutte le domande della valutazione del suo terzo trimestre.

Siamo lieti di incontrare professionisti con una vocazione, in grado di dedicare più tempo a fare il loro lavoro nel migliore dei modi. Fabiana non riceverà alcun pagamento aggiuntivo per la sua dedizione, ma per lei vedere Nathan felice è una grande ricompensa.

“Chiunque mi conosca sa quanto amo fare l’ insegnante e che non riesco a concepire l’idea che uno studente venga escluso dalle mie lezioni e dal processo di insegnamento e apprendimento”, ha dichiarato Fabiana.

Secondo l’educatore, lo studente ha fatto grandi progressi in questi mesi, ma non solo per l’aiuto che lei gli ha dato, ma anche per il sostegno e il contributo degli altri studenti. Oltre allo sforzo che ha fatto per superare le barriere. Non c’è dubbio che la sezione è diventata una grande squadra, “Ciò che non ci manca qui è la gioia e l’impegno di insegnare e imparare”, ha detto Fabiana.

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Delitto di Novi Ligure, Erika e Omar sono liberi

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

Agrigento, Gaetano Maragliano e Martina Alaimo morti a soli 17 anni

Daniele Mondello pubblica anche la foto della maglietta del piccolo Gioele

Daniele Mondello pubblica anche la foto della maglietta del piccolo Gioele

La cantante R&B Emani è morta a 22 anni: vittima di un grave incidente stradale

La cantante R&B Emani è morta a 22 anni: vittima di un grave incidente stradale

Padova, Andrea Sancatterina è morto a 14 anni a causa di un'emorragia

Padova, Andrea Sancatterina è morto a 14 anni a causa di un'emorragia

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Ragusa, Carmelo Vicari muore a soli 26 anni: era papà di due bambini

Gallipoli, Elisa De Lorenzis è morta a 19 anni mentre era in auto con altri 3 amici

Gallipoli, Elisa De Lorenzis è morta a 19 anni mentre era in auto con altri 3 amici