Dopo più di un anno di chemioterapie e operazioni, le confessano la diagnosi sbagliata

"Dopo un anno e mezzo di chemioterapie e operazioni potevano dirmi solo due cose, o sono guarita o sto morendo. Mi ero mentalmente preparata per entrambe le risposte, ma non per quello che mi hanno detto quel giorno, mi hanno rovinato la vita per sempre..."

Home > Attualità > Dopo più di un anno di chemioterapie e operazioni, le confessano la diagnosi sbagliata

Quando Sarah Boyle ha ricevuto la notizia di avere un cancro aggressivo, la sua vita è cambiata per sempre. Mesi fa era diventata madre e andò dal medico quando notò che il suo bambino era molto a disagio nel ricevere il latte da uno dei suoi seni. Da allora ha iniziato una lunga traiettoria di chirurgia e trattamenti invasivi senza sospettare che alcuni mesi dopo gli sarebbe stato detto qualcosa di assurdo.

Sarah ha solo 28 anni. Quando suo figlio Teddy aveva pochi mesi, Sarah iniziò a temere di non poter essere lì per vedere crescere il suo piccolo. I medici del Royal Stoke University Hospital le hanno detto che aveva un carcinoma mammario triplo negativo e che avrebbe dovuto ricevere il trattamento il prima possibile. Sarah e la sua famiglia vivono nella città di Hartshill in Inghilterra. Desiderosa di combattere per la sua vita, Sarah iniziò immediatamente la chemioterapia e dovette affrontare il modo in cui il suo corpo si indeboliva e perdeva quasi tutti i suoi capelli.

Per assicurarsi che il tumore fosse stato completamente rimosso, si sottopose a una doppia mastectomia e poco dopo tornò in sala operatoria per la chirurgia ricostruttiva con impianti. “Quando mi hanno detto che avevo il cancro ero devastata. Ma passare attraverso tutti i trattamenti e gli interventi chirurgici per sentirmi dire che non era necessario mi ha letteralmente traumatizzata. ” Sono stati i mesi più difficili per la sua famiglia. Suo marito Steven, 31 anni, si è preso cura del bambino ed è riuscito ad accompagnare sua moglie in ogni fase di questa dura lotta. Tuttavia, il colpo più grande è arrivato quando i medici hanno scoperto il loro errore e hanno spiegato a Sarah che tutti questi trattamenti erano stati completamente inutili. Sarah ha ricevuto la diagnosi all’inizio del 2016 e i medici hanno notato il loro errore a metà del 2017, quando era troppo tardi.

L’ospedale accettò la sua colpa e spiegò che tutto era accaduto quando un istopatologo, incaricato di esaminare i diversi tessuti, riferì che le cellule erano cancerogene anche se erano completamente sane. Ora, Boyle sta lavorando con avvocati per negligenza medica per ottenere risposte e arrivare a fondo di un problema che ha colpito così profondamente la sua vita.

L’ospedale ha chiarito che si trattava di un errore umano e che ora ciascuno dei test è stato esaminato da un secondo specialista. Teme fortemente le conseguenze che il suo corpo potrebbe subire dopo aver subito la chemioterapia. Inoltre, diverse indagini indicano che ora è più probabile che abbia il cancro a causa del tipo di impianti che le sono stati impiantati a chirurgia ricostruttiva.

Tuttavia, le tracce più profonde di tutto questo spiacevole episodio risiedono nel grande trauma psicologico che ha subito. Le fu detto che avrebbe potuto avere problemi di infertilità ma fortunatamente è riuscita ad avere il suo secondo bambino che ora ha 7 mesi.

Ci dispiace molto per la terribile sofferenza che Sarah e la sua famiglia hanno dovuto affrontare a causa di un errore medico che le ha cambiato la vita per sempre. Condividi questo caso oltraggioso per chiedere che nessun altro debba attraversare tutto questo turbine di emozioni e contraddizioni mediche che Sarah ha attraversato. E’ sempre consigliabile chiedere un secondo parere prima di sottoporsi a trattamenti pesanti e operazioni.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI