Dramma a Nardò: figlio muore per una brutta malattia. I genitori muoiono pochi giorni dopo.

TRAGEDIA: figlio muore per una brutta malattia. Il cuore dei genitori non ce la fa a reggere il dolore. Muoiono pochi giorni dopo. Una storia che spezza il cuore 💔

Home > Attualità > Dramma a Nardò: figlio muore per una brutta malattia. I genitori muoiono pochi giorni dopo.

La tragedia si è verificata a Nardò, in provincia di Lecce. Si è spento un uomo di circa 50 anni, di nome Angelo Gioffreda, dopo una lunga lotta contro una brutta malattia. A sostenerlo durante i duri anni, ci sono sempre stati i suoi genitori, Paolo Antonio e Immacolata, settantacinquenni.

La famiglia ha salutato Angelo con la cerimonia funebre, ma poco dopo è avvenuta un’altra tragedia. Il successivo 29 gennaio, il papà del 50enne, è morto nel suo letto e il giorno dopo il funerale del 75enne, è morta anche sua moglie Immacolata.

I due coniugi non sono riusciti a superare la morte di quel figlio tanto amato e alla fine, sono morti di dolore.

Immacolata aveva dei problemi di salute, ma dopo il funerale di suo marito, è peggiorata in modo drastico e si è spenta il giorno successivo. Nel giro di pochi giorni aveva perso quel figlio di cui si era sempre presa cura per tutta la vita e l’uomo che amava.

Tutti i funerali sono stati celebrati nella chiesa di Boncore e l’intera comunità di Nardò, è sconvolta per le tre perdite.

La famiglia Giuffrida era molto conosciuta per i propri prodotti caseari, per il suo gregge e per la passione che avevano per la difesa dei territori e del bestiame.

Angelo era sempre stato dedito alla tradizione di famiglia, fino a che quella malattia, aggressiva e fulminante, non è impadronita della sua vita. I suoi genitori non gli hanno mai lasciato la mano, ma in soli 5 anni, l’uomonha deciso di smetterla di lottare e si è spento per sempre.

“Non piangete, sarò l’angelo invisibile della famiglia”, questo è quanto è stato scritto sul suo manifesto.

U.n dolore troppo forte per due genitori, che hanno deciso di non lasciargli la mano nemmeno dopo la morte.

La storia di questa famiglia è rimasta nel cuore dell’intero paese.