Due bambini transgender

"I nostri figli hanno 11 e 7 anni e sono tutti e due transgender, noi li sosterremo sempre nella loro decisione" Le parole di due genitori che hanno accompagnato i loro due bambini nel loro cambiamento di genere

Home > Attualità > Due bambini transgender

I genitori di due bambini transgender hanno suscitato polemiche dopo aver osato raccontare, come hanno sostenuto i loro figli incondizionatamente durante il loro processo di cambiamento di genere in tenera età. Ben Faryna e Sara Kaplan, sono di Berkeley, in California, e avevano una bambina e poi un ragazzino.

Ma quando James, ora 11 anni e nata femmina, ha compiuto 8 anni, si è reso conto da solo che voleva passare da donna a uomo e lo ha detto ai suoi genitori. Ma la questione non è finita qui, solo pochi anni dopo, Olivia, che ora ha 7 anni ed è nata maschio, quando ha compiuto 4 anni, ha anche detto che voleva fare la transizione, ma da uomo a donna.

Sia nel caso di James che nel caso di Olivia, hanno sempre avuto il sostegno dei loro genitori, ed è per questo che ora hanno voluto condividere la loro storia con la speranza di rompere il tabù sui bambini trans, dopo le statistiche che rivelano un numero allarmante di bambini in quella condizione che si tolgono la vita perché non hanno il sostegno delle loro famiglie.

Sebbene all’inizio, pensarono che Olivia lo facesse per imitare James, poi si resero conto che il suo desiderio era reale come quello di suo fratello. “Quando James aveva otto anni, iniziò la transizione sociale. Si tagliò i capelli, comprò abiti per bambini e chiese ai suoi compagni di classe di usare pronomi maschili. L’anno scorso, ha cambiato il suo nome in James legalmente “, ha detto suo padre.

“Sono sempre stato un bambino”, ha detto James. “Prima di effettuare la transizione, mi mancava un pezzo e non mi sentivo bene. Ero nervoso all’idea di dirlo ai miei genitori, ma quando l’ho fatto, mi hanno detto che andava bene. Ero felice perché so che molti bambini trans non ricevono questa comprensione, ed è triste. ”

Mentre Olivia è anche molto chiara su ciò che vuole e dice al riguardo: “Essere trans significa che sei nato nel genere che non senti nel tuo cuore: chiunque può essere quello che vuole essere e non importa quale sia l’opinione degli altri.” Tuttavia, James confessa che all’inizio non ha reagito positivamente al desiderio di transizione di Olivia, perché era geloso e pensava che sarebbe stato l’unico, ma il giorno dopo l’ha accettata ed è diventata la sua principale sicurezza.

Un mese fa, James ha iniziato con i bloccanti degli ormoni, un impianto che gli impedisce di iniziare la pubertà, in particolare il suo ciclo mestruale e lo sviluppo del seno, che sarebbe angosciante. Sta aspettando di iniziare il testosterone, che sarebbe la prima azione permanente che intraprenderà verso la transizione, poiché il processo influenzerebbe la sua fertilità.

Ma Olivia è ancora troppo piccola per iniziare a prendere quel tipo di farmaco, quindi dovrà aspettare un po ‘. Ben e Sara, nel frattempo, sono determinati a vivere senza che i loro figli vengano segnalati da nessuno, hanno sempre saputo che l’unica cosa che i loro figli meritavano era l’amore e l’accettazione da parte loro. Sebbene riconoscano che parlano sempre con i loro figli per vedere se sono sicuri della loro decisione.

“Ti ameremo e accetteremo se verrai da noi domani e dirai che hai cambiato idea”, ha detto Sara.” E li ameremo e accetteremo se non lo fanno.” “Essere trans è solo una piccola parte di me, c’è molto di più per me che essere trans”, sottolinea James. “Direi che non siamo diversi. Non dovremmo essere trattati meglio o peggio “, conclude senza mezzi termini Olivia nonostante la sua giovane età.

Facci sapere cosa pensi della controversa decisione di questi genitori nel supportare incondizionato i loro figli. Come agiresti invece?

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI