Due giorni che cambiano ogni prospettiva

Dopo una lunga e stressante giornata di lavoro, il padre esausto ritorna a casa sua. Tutto ciò che vuole è sedersi nella sua poltrona preferita e guardare la sua squadra preferita giocare a calcio. Non vuole sentire le grida dei bambini o aiutare con le faccende domestiche. Sua moglie, vedendo la riluttanza del marito ad aiutare, si arrabbia e tutto finisce in una grande lotta.


Non era la prima volta, ma questa volta era eccessivo e la donna decide di uscire di casa. Non torna a casa la sera, né torna al mattino successivo. Il mondo del marito improvvisamente crolla e deve farsi carico di tutto da solo. Dopo due giorni con solo i bambini, decide di sedersi e scrivere una lettera a sua moglie.

Amore mio:

Due giorni fa abbiamo avuto una grande litigata. Sono venuto dal lavoro alle 8 del pomeriggio e volevo solo guardare la partita di football. Quando ti guardavo, eri stanca e di cattivo umore. I bambini più grandi stavano litigando mentre cercavi di mettere a letto il più piccolo. Cosa ho fatto? Ho alzato il volume della televisione.

La disputa è continuata e tu cominciato a piangere. Eri così esausta e stanca. Ti ho detto cose terribili e mi hai urlato. Alla fine hai preso alcune cose e tene sei andata. Sono rimasto solo nel soggiorno con i bambini. Sono stato costretto a preparare la cena e a mettere i bambini a letto. Non sei tornata nemmeno al mattino, quindi ho dovuto anche occuparmi di tutte le faccende domestiche. Ho sperimentato grande stress e frustrazione.

Ho capito cosa vuol dire stare a casa tutto il giorno senza quasi avere il tempo di fare una doccia. Ho imparato a scaldare il latte, vestire i bambini e pulire la cucina allo stesso tempo. Ho capito che cosa significa stare un’intera giornata senza scambiare una sola parola con una persona sopra i 10 anni.

Ho imparato a mangiare mentre facevo le mille cose che i bambini mi hanno chiesto di fare. Ho capito cosa vuol dire essere esausti e voglio dormire 20 ore di fila, ma non potevo farlo perché mi sono svegliato alle tre in punto perché un bambino piangeva.

Per due giorni e due notti sono stato nei tuoi panni e ora posso capirti.

Capisco la tua stanchezza…Capisco che essere una madre suppone un continuo sacrificio. Capisco che è molto peggio che lavorare 10 ore di fila per prendere decisioni economiche. Capisco quanto sia frustrante quando non riesci a fare tutto e hai bisogno dell’aiuto del tuo partner.

Capisco quanto sia frustrante quando non hai il tempo di uscire con i tuoi amici, prenderti cura di te stessa o dormire tutta la notte. Capisco la sensazione di essere legato a una casa tutto il giorno, prendersi cura dei bambini mentre guardi la tua vita che passa.

Capisco l’irritazione che produce quando mia madre ti critica per il tuo modo di educare i bambini. Nessuno capisce i suoi figli meglio della propria madre. Capisco che essere una madre significa portare una delle maggiori responsabilità che esistono. Un carico che pochi apprezzano e sottovalutano molto.

Scrivo questa lettera non solo per farti sapere quanto mi manchi, ma per prometterti che non passerà più un solo senza che io ti dica:

“Sei una donna fantastica e coraggiosa. Una madre e una moglie meravigliose e io ti ammiro. ”

Questa lettera è stata diffusa su Internet ed è la vera ammirazione di un marito nei confronti della moglie. Non aveva capito l’enorme e prezioso lavoro svolto a casa fino a quando non fu costretto a mettersi nei suoi panni. Sono bastati due giorni per cambiare le loro vite.

Spero che chiunque legga questa lettera capisca l’importante lavoro svolto da coloro che rimangono a casa e si prendono cura dei propri figli.