E’ una vergogna

Un gruppo di madri festeggia l'espulsione di un bambino con la sindrome di Asperger, dalla classe dei loro figli. A pubblicare le conversazioni delle madri che gioiscono, è stata la zia minorenne del bambino. E' una vergogna.

Questo fatto sta causando polemiche nei social network, è successo in una scuola in Argentina, quando un gruppo di madri ha festeggiato nel gruppo di whatsapp che alla fine sono riuscite a far espellere uno studente con asperger dalla loro classe. Il ragazzo è stato rimosso dalla classe dopo la pressione esercitata dal gruppo di madri disperate per escluderlo.

L’immagine dei messaggi scambiati per WhatsApp è stata pubblicata sui social network grazie alla denuncia di una zia del bambino e le notizie stanno facendo scalpore. “Finalmente, ottime notizie! Era ora che i diritti dei bambini venissero fatti rispettare per 35 e non per uno! – Buono per i bambini, che possono lavorare in santa pace”. “Un sollievo per tutte noi, ora speriamo che diventi ufficiale.” Le madri hanno espresso la loro gioia dopo aver appreso della decisione di espellere il bambino dalla classe che condivideva con i loro figli presso la scuola religiosa San Antonio de Padua in Argentina. Per alcuni mesi, hanno fatto pressione sul centro, per espellere il piccolo  minacciando di non portare i figli a scuola. Alla fine, su sua insistenza, la scuola accettò. Nel gruppo di WhatsApp erano presenti le reazioni di gioia mentre la famiglia del bambino era sbalordita. Rosaura Gómez, la zia minorenne, è stata quella che ha pubblicato la denuncia sui social network. Ha commentato sul suo profilo Facebook: “Ha la sindrome di Asperger, è molto dolce. È in quarta elementare a scuola. Tutti devono sapere che le madri dei compagni hanno minacciato di fare uno sciopero (presumibilmente non portando i loro figli a scuola fino a quando non avessero portato via mio nipote da quella classe).

Non è successo, ma l’hanno spostato in un’altra classe della quarta elementare. Si presume che questa sia una scuola religiosa e questa è stata la reazione delle madri nello scoprire la loro vittoria… molto triste che parlino così di un bambino e di una scuola, la verità lascia molto a desiderare “.

Mentre un portavoce per la scuola, il rappresentante legale Gustavo Gonzalez ha detto in un supporto di Argentina, che “hanno lavorato con il bambino circa quattro anni. Diverse strategie pedagogiche sono state sperimentate con il bambino e recentemente è stato deciso di cambiare naturalmente lo studente per farlo stare in un nuovo ambiente “.

Secondo quanto ha affermato, la decisione è stata approvata da tutti i rappresentanti della classe. “Quello che non ci aspettavamo era questa celebrazione a causa della decisione, ed è sbagliato, abbiamo bisogno di parlare con i genitori. Questo non è normale. Si tratta di discriminazione sulla disabilità “, ha detto.

Lo status speciale del bambino non dovrebbe essere un motivo per escluderlo, abbiamo bisogno di un mondo più tollerante in cui nessuno è discriminato ed è importante promuovere questi valori nei bambini. È sconcertante vedere come i rappresentanti hanno celebrato la decisione di rimuovere il bambino dall’aula in modo che non la condivida con i loro figli invece di cercare modi per integrarlo e che potrebbe servire come strumento per rafforzare le loro abilità mentre insegna ai loro figli a tollerare ad un altro essere umano che pensa in modo diverso e si sente diverso.

La sindrome di Asperger è un disturbo dello spettro autistico (ASD), che influenza l’interazione sociale, la comunicazione verbale e non verbale, coloro che soffrono di questa condizione non sono ricettivi ai cambiamenti o hanno la flessibilità del pensiero. La Confederazione Asperger della Spagna, si sforza di promuovere l’inclusione sociale dei bambini affetti da questa condizione e ha parlato di questo fatto citando l’articolo 24.1 della Dichiarazione sui diritti delle persone con disabilità delle Nazioni Unite.

Hanno menzionato che i bambini con la sindrome di Asperger hanno molte difficoltà ad avere amici, spesso cercano affetto e vicinanza perché generalmente percepiscono il rifiuto degli altri. Pertanto, la solidarietà dei loro colleghi renderebbe possibile la loro integrazione. Non c’è alcuna giustificazione per rifiutare un bambino solo perché ha una condizione che gli fa percepire il mondo in modo diverso.

Cosa ne pensi? Non andartene senza condividerlo con i tuoi amici.

DPCM con regole più restrittive in arrivo: coprifuoco nazionale?

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

La testimonianza di Daniele Mondello sul settimanale Giallo

Autocertificazione in Campania per gli spostamenti: cosa c'è da sapere

Coronavirus: il comune di Arzano sarà zona rossa

Camerota, i primi risultati dell'autopsia di Nancy Chirichiello