Entra in coma per salvare la vita del suo bambino

Entra in coma per salvare la vita del suo bambino di 4 anni - 27 anni dopo succede un miracolo. L'incredibile storia di Munira Abdulla e suo figlio che non ha mai perso la speranza.

Home > Attualità > Entra in coma per salvare la vita del suo bambino

Munira Abdulla aveva 32 anni quando portò a scuola suo figlio di 4 anni, nella macchina in cui guidava suo cognato. Ma quel fatidico giorno si trasformò in tragedia quando uno scuolabus li tamponò,  il suo istinto immediato fu quello di abbracciare suo figlio, reazione che salvò il bambino lasciandolo con solo un livido sulla testa, ma la madre fu gravemente ferita, ed entrò in coma.

L’incidente è avvenuto nel 1991, ad Al Ain, negli Emirati Arabi Uniti, dove vivevano “Mia madre era seduta con me sul sedile posteriore. Quando ha visto lo schianto avvicinarsi, mi ha abbracciato per proteggermi dal colpo. Non c’erano telefoni cellulari e non potevamo chiamare un’ambulanza per chiedere aiuto. L’hanno lasciata così per ore “, ha detto Omar. Arrivati i soccorsi, la donna fu trasferita all’ospedale locale, dove decisero che sarebbe stata trasferita a Londra a causa delle sue gravi condizioni. Nonostante gli sforzi, hanno dichiarato il suo stato vegetativo irreversibile. Quello fu l’ inizio dell’incubo di Omar, che sapeva di essere sopravvissuto grazie alla prontezza di riflessi di sua madre, nonl’ ha mai abbandonata. Munira fu rimandata ad Al Ain e, dopo essere stata ricoverata in ospedale, le sue condizioni furono le stesse per anni. Omar, d’altro canto, non ha smesso di visitarla, ogni giorno camminava circa quattro chilometri fino all’ospedale, in camera si sedeva ai piedi del letto di sua madre e le parlava sapendo che non ci sarebbe stata risposta, ma la speranza è l’ultima che si perde.

La madre di Omar è stata alimentata attraverso un tubo e hanno fatto fisioterapia, è stata ricoverata in molti ospedali ma nulla sembrava cambiare,  nell’aprile 2017, ci fu una svolta, quando la famiglia ha ricevuto una sovvenzione ufficiale per un programma completo presso l’ospedale Schön Klinik Bad Aibling in Germania. Qualcosa che non si sarebbero mai sognati.

Sebbene i medici confidavano che avrebbe migliorato la qualità della sua vita, ma non speravano più che avrebbe ripreso coscienza. Ma inaspettatamente, nell’ultima settimana di trattamento, Omar ha iniziato a sentire strani suoni provenienti da sua madre.

“Tre giorni dopo mi sono svegliato con il suono di qualcuno che gridava il mio nome … Era lei! … Per anni avevo sognato questo momento” disse Omar emozionato. “La prima parola che ha pronunciato era il mio nome.” Ora, 27 anni dopo, accadde il miracolo che Omar stava aspettando e Munira si svegliò. Omar non ha perso mai la speranza.