Fabrizio Corona sfrattato di casa

Fabrizio Corona ancora nei guai, sfrattato dalla casa da 2,5 milioni: "Ora appartiene allo Stato".

Home > Attualità > Fabrizio Corona sfrattato di casa

Fabrizio Corona ancora nei guai, sfrattato dalla casa da 2,5 milioni: “Ora appartiene allo Stato“. Ancora guai per Fabrizio Corona, l’ex paparazzo dei vip dovra lasciare la sua casa di Milano in via De Cristoforis entro 120 giorni. I motivi? Questa casa gli era stata confiscata già lo scorso anno e qualche mese fa il Tribunale gli aveva affidato l’affidamento terapeutico con dimora nella stessa casa. L’avvocato Nunzia Gatto di recente aveva chiesto la revoca dell’affidamento.

 

 

 

La casa presente in via Corso Como a Milano risultava intestata fittiziamente ad un suo collaboratore di nome Fabio Roia già dallo scorso aprile, ora la casa appartiene allo Stato. A dichiararlo è stato il Tribunale stesso confermando a Fabrizio Corona l’affidamento terapeutico per dipendenza da cocaina.

 

La Procura Generale, recentemente, aveva disposto un’altra richiesta di revoca dell’affidamento ai giudici di sorveglianza affermando che Corona nonostante dovesse curarsi dalla dipendenza, si era addestrato lo scorso dicembre a Rogoredo, nella periferia di Milano sud nel Boschetto della droga. L’ex paparazzo dei vip si era addentrato nel bosco fingendosi un agente provocatore e che doveva acquistare degli stupefacenti per una trasmissione televisiva.

I Carabinieri nei giorni scorsi avevano anche disposto negli atti una denuncia di un uomo di 44 anni ritenuto collaboratore di Fabrizio Corona, egli stesso ha negato di esserlo.

 

L’uomo denunciato risultava in possesso di una pistola ed inoltre era stato denunciato a Napoli nel 2010 per ricettazione dell’arma rubata. Fabrizio Corona lo scorso 13 febbraio si era addentrato per l’ennesima volta a Rovereto per realizzare un nuovo video sulla piazza di spaccio ma era stato aggredito.

Qualche ora fa, Corona ha smentito questa notizia attraverso delle Instagram Storie eppure tutti i siti la riportano. Ma quindi, qual è la verità?