Facebook vittima di un bug globale: centinaia di milioni di utenti paralizzati

Quando parliamo di un problema tecnico su Facebook, circa 1 miliardo di utenti sono potenzialmente interessati. Questo è quello che è successo oggi: un bug del famoso social che fa sparire gli articoli pubblicati dopo pochi secondi. E non solo… Ad alcuni Facebook ha bloccato l’account per attività sospette, ad altri invece ha bannato le pagine…



ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Tutto in perfetto stile Mark Zuckerberg! Post segnalati per spam ma che spam non erano, utenti in tilt, panico generale tra gli amministratori di pagine… e la risposta che arriva puntualmente a tutti gli utenti che contattano l’assistenza:

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

“Ti confermo che stiamo riscontrando un glitch tecnico generale, non riferito quindi esclusivamente alla tua pagina. I nostri ingegneri ne sono al corrente e ci stanno lavorando.”

 

Il bug, infatti, sembra essere globale: utenti da tutto il mondo hanno detto di avere lo stesso problema: Se pubblicano link esteri, questi spariscono, sia che si tratti di post diretti sia di condivisioni. Questo accade sulle pagine, sui profili personali e anche sui gruppi. E chi insiste a pubblicare un post rischia anche di vedersi la pagina bannata perché Facebook lo vede come spam e “punisce” l’autore. E lo stesso problema lo riscontra anche che tenta di pubblicare usando alcuni strumenti esterni a Facebook o varie app come Hootsuite, TwitterFeed, Networkedblogs…

Ma cosa sta succedendo? Non ci sono dichiarazioni ufficiali ma sembra che Facebook abbia fatto un aggiornamento che non è stato reso agli utenti e che rallenterebbe o, addirittura, impedirebbe di postare sul profilo personale o sulle pagine i post esterni.  Ovviamente si tratta di rumors ma, spesso, questi rumors sono veri.

Il problema è sorto intorno alle 10 di stamattina in Italia ed è andato man mano peggiorando.

Cosa fare? Per adesso meglio non fare nulla e aspettare… i tecnici stanno lavorando e a breve sistemeranno probabilmente la faccenda. Vi consigliamo, dunque, di non insistere tentando di pubblicare …