Federico avrebbe compiuto 16 anni tra poco, la meningite lo ha portato via

È accaduto a Roma. La mamma: "Non l'abbiamo vaccinato".

Home > Attualità > Federico avrebbe compiuto 16 anni tra poco, la meningite lo ha portato via

Venerdì prossimo – 18 gennaio – Federico Galluccio avrebbe compiuto 16 anni ma una meningite fulminante lo ha portato via ai suoi familiari e ai suoi amici. È accaduto a Roma.

Appena domenica scorsa, come raccontato da Leggo.it, Federico si trovava a cena con gli amici. Nella notte, però, si è sentito male e all’indomani, intorno alle 13, i genitori lo hanno portato al Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I. Nella sera dello stesso giorno, però, il cuore di Federico ha smesso di battere.

Come succede in casi come questi, la ASL ha subito avviato la profilassi per tutti coloro che sono venuti a contatto con Feriti, compreso il Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, perché il 9 gennaio scorso Federico ha partecipato a un incontro con l’esponente del governo.

“Anche io l’ho fatta, seguendo le procedure – ha raccontato il ministro – La morte di questo giovane ci ha profondamente colpiti. Ora gli insegnanti hanno il difficile compito di continuare ad accompagnare la classe che resterà con un banco vuoto”.

Come spiegato dalla mamma del ragazzo, Federico da bambino era stato vaccinato per il meningococco di tipo B. Tuttavia, una volta adolescente, i genitori non hanno più pensato alle altre vaccinazioni consigliate: “Spero che la morte di Federico non sia vana e che i genitori ascoltino i consigli dei medici anche relativamente alle vaccinazioni non obbligatorie”, ha raccontato la donna al Messaggero.

Infatti, per i nati nel 2003, come nel caso di Federico, il vaccino per la meningite non è obbligatorio ma consigliato.

La donna ha raccontato che, prima che portassero il figlio in Terapia intensiva, è riuscita a dirgli solo ‘Ciao Pippi’: “Era su una sedia a rotelle, è scomparso dietro una porta e l’ho riabbracciato quando ormai era troppo tardi. I medici ci hanno detto che era molto grave, che si trattava di meningite. Non riesco a darmi pace. Era un figlio eccezionale, un ragazzo dall’anima pulita. Era la mia ragione di vita perché mi dava consigli, vedeva il mondo con purezza”.