Festa della donna: perché si festeggia

Oggi è la festa della donna ma spesso molte persone non sanno perché si festeggia proprio oggi e qual è la sua origine.

Home > Attualità > Festa della donna: perché si festeggia

Oggi è l’8 Marzo e in tutto il mondo viene celebrata la Festa delle Donne. Molte persone però, anche le donne stesse, non conoscono le origini di questo giorno e perché si festeggia. Si tende inoltre a regalare le mimose in questo giorno, ma perché? Ora ve lo spieghiamo in sintesi!

Origini della giornata internazionale della donna

festa-donna

L’8 marzo si celebra dal 1909, ed è la giornata internazionale della donna. L’idea nasce nel Febbraio del 1909 negli Stati Uniti, su iniziativa del Partito socialista americano. L’anno seguente, la proposta venne raccolta da Clara Zetkin a Copenaghen, durante la Conferenza internazionale delle donne socialiste.

festa-donna

Non sono chiari le motivazioni che spinsero alla scelta proprio dell’8 marzo, alcune tradizioni fanno anche riferimento a un episodio drammatico accaduto negli Stati Uniti, nel 1857, quando alcune operaie chiuse in fabbrica dal padrone perché non partecipassero ad uno sciopero, persero la vita a causa di un incendio.

Non tutti sono però d’accordo su questa teoria, è molto probabile, secondo alcuni, che la vera origine della celebrazione, con la sua connotazione fortemente politica legata al socialismo e alla violenza della Seconda guerra mondiale abbia in qualche modo contribuito ad alimentare questo falso storico.

La mimosa

Questa giornata si festeggia in quasi tutto il mondo ma solo in Italia si regala la mimosa alle donne. È proprio l’8 marzo del ’46 che questo fiore apparve per la prima volta. L’idea di rendere simbolico questo fiore in Italia venne proposta da tre membri dell’Unione delle Donne Italiane: alla fine della seconda Guerra mondiale. La mimosa era ormai uno dei pochi fiori che fiorivano in quel periodo, ed essendo molto economico, era alla portata di tutti.

mimosa

In realtà pare che inizialmente il fiore scelto per questa celebrazione fosse la violetta, che rappresentava la sinistra europea. Ma proprio le donne dell’usi non furono d’accordo per svariati motivi: la violetta era difficile da trovare e soprattutto era molto costosa.