Forte scossa di terremoto in Molise

Forte scossa di terremoto in Molise: a Vasto tutti sono usciti fuori di casa. La scossa è stata di 5.2 e la gente si è riversata in strada. L’epicentro è stato nella provincia di Campobasso. Ci sono tante chiamate e richiesta di soccorso ma, fortunatamente, fino ad adesso non sembrano esserci vittime.



Ieri sera alle 23.48, la stessa zona è stata interessata da una scossa di magnitudo 4.7. La scossa è stata avvertita fino in Campagnia. Non ci sono stati danni né alle persone né alle cose. Le persone sono uscite in strada preoccupate ma la notte è passata senza particolari incidenti. L’epicentro è stato registrato in provincia di Campobasso, a 6 chilometri da Montecilfone (nella zona di Acquaviva Collecroce, a 35 chilometri a nord-ovest di Campobasso).

ACQUISTA QUI TAPPETINO REFRIGERANTE

Poco fa un’altra scossa, molto più forte che è stata avvertita anche Napoli, in gran parte della Campania e del Centro-Sud.

Anche in questo caso l’epicentro del sisma è in Molise e la scossa è stata avvertita bene anche in altre regioni confinanti del Sud-Italia.

Sono arrivate chiamate sia dal versante Adriatico che da Roma e dalla Campania. Il giorno prima c’erano stati dei crolli e oggi si teme per gli edifici lesionati. L’antica Masseria in pietra era crollata e i vigili del fuoco hanno trovato lesioni nel tetto della chiesa Santa Maria Ester. Il giorno dopo è stato lo stesso sindaco del paese, Francesco Trolio, a scoprire un’altro edificio crollato in contrada Macchialonga. In zona ci sono case disabitate e alcune abitazioni hanno delle crepe.

 

Le cose sono peggiorate dalla pioggia incessante che ha interessato la zona. “Piove proprio al centro della Chiesa – ha dichiarato il sindaco – Ho già avuto un incontro con il Presidente della Regione Donato Toma sulle problematiche emerse in paese dopo il terremoto”.