Covid foto

Ginecologo di Nocera Inferiore positivo al Covid fa partorire 7 donne, scattano le indagini all’ospedale Umberto I

Continuano le indagini sul caso

Gli agenti indagano su un ginecologo di Nocera Inferiore positivo al Covid che ha continuato il suo lavoro, facendo partorire 7 donne (e mettendole di fatto a rischio di contrarre, insieme ai neonati, l’infezione da nuovo coronavirus). Indagini scattate anche all’interno dell’ospedale Umberto I dove il medico positivo lavora.

Il medico professionista, che lavora presso l’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, in Campania, era positivo al Covid-19 quando per sette volte è andato in sala parto ad aiutare le sue pazienti a partorire. Ed è per questo che ora risulta indagati.

il caso non è recente, ma risale a novembre del 2020. Le indagini sono ancora in corso e non si hanno tutti gli elementi utili per ricostruire cosa è avvenuto durante la seconda ondata della pandemia. Secondo i Carabinieri della stazione locale, il ginecologo ha violato un regio decreto del 1934 in materia di tutela della salute.

A novembre del 2020 il medico specializzato in ginecologia era assente per malattia, perché positivo al coronavirus, come dimostrato da un certificato. Ma negli stessi giorni in cui era in malattia era anche in ospedale ad assistere le sue pazienti a partorire.

A raccontare tutto quanto sono state le stesse partorienti, che gli inquirenti hanno ascoltato a lungo. Le donne avrebbero raccontato che al momento del parto il medico ginecologo, anche se consapevole di essere positivo alla Covid-19, era in sala parto con loro.

Neonato in ospedale
Fonte foto da Pixabay

Ginecologo di Nocera Inferiore positivo al Covid, cosa rischia il medico

Per fortuna nessuna donna e nessun neonato ha contratto il virus dal medico ginecologo, che aveva seguito durante la gravidanza le sette donne. Nonostante questo, però, oggi il dottore rischia grosso.

Covid foto
Fonte foto da Pixabay

L’articolo 260 del Testo Unico delle Leggi Sanitarie, integrato e aggiornato dalla normativa anti Covid del 2020, punisce “chiunque non osserva un ordine legalmente dato per impedire l’invasione o la diffusione di una malattia infettiva dell’uomo“. Si rischia “l’arresto da 3 mesi a 18 mesi e l’ammenda da euro 500 ad euro 5.000“.

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Aurelio Andreazzoli, allenatore dell'Empoli, a lutto per la morte del fratello Alberto

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Lutto nel giornalismo, Maria Cristina Ruini si è spenta a 52 anni

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Napoli, Alessandra De Rosa non ce l'ha fatta: si è spenta a 31 anni dopo aver contratto il Covid in gravidanza

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Denise Pipitone: la paura di Piera Maggio su cosa accadrà

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Paura a Treviglio, due bambini rimasti intrappolati sul balcone: erano soli in casa

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"

Omicidio Willy, le parole di Mario Pincarelli dal carcere: "Sono a posto con la coscienza"