Giovane medico cacciato dal suo edificio

Nei tempi difficili della pandemia COVID-19, il personale medico rischia la propria vita per aiutare le persone infette. Ma non ricevono sempre i ringraziamenti che meritano, come nel caso di un medico colombiano. I suoi vicini non vogliono che faccia ritorno quotidianamente alla sua dimora, perché temono che possa essere infetto, e che possa contagiarli.

Il personale medico ha guadagnato un posto nella storia di ogni paese del mondo; la loro dedizione e vocazione li ha resi i veri eroi di questo momento. Cristian Botache è uno di loro. Laureatosi come medico in Colombia, ha prestato giuramento a Ippocrate e sapeva che il suo impegno riguardava l’umanità intera.

Il giovane vive con sua zia, una donna anziana, e lavora in una nota clinica nella città di Cali, situata nel dipartimento della Valle del Cauca, nel sud-ovest di Bogotá.

Con l’avvento del coronavirus si è appreso che gli anziani erano quelli più a rischio in caso di contagio. Cristian decise dunque di affittare un appartamento e viverci temporaneamente da solo. Da un lato protegge la propria zia, e dall’altro si è avvicinato di più al suo luogo di lavoro.

Tuttavia, nonostante il nobile e rischioso lavoro che fa, ha subito il rifiuto delle persone che vivono nel suo edificio. Con rammarico, ha appreso che i residenti si sono lamentati con l’amministratore per paura di essere infettati dal virus.

Per questo motivo, la Società presso cui lavora, ha visto la necessità di rilasciare una dichiarazione che esprimesse vicinanza all’uomo: “Alcune persone discriminano il nostro personale, supponendo che siano portatori di coronavirus, i medici e gli infermieri devono rimuovere le loro uniformi e tute distintive quando escono da cliniche e ospedali, per non essere individuati e attaccati dalla comunità”, ha affermato Ivan Alejandro Villalobos Cano, presidente dell’istituzione.

“Incoerenti. Mentre di notte molte persone applaudono a ciò che fanno coloro che lavorano nel settore sanitario, altri li attaccano verbalmente “, ha aggiunto Villalobos.

La notizia è stata condivisa sui social network e una folla di utenti di Internet ha respinto un’azione così deplorevole: “La peggior malattia in questo mondo è l’indifferenza e l’egoismo dell’essere umano, se vogliamo sconfiggere questo virus dobbiamo combattere tutti assieme”, Ha detto un utente infastidito.

Sembra che molte persone dimentichino che i medici conoscono molto bene i protocolli, e le misure che devono essere applicate. In ogni caso, la migliore misura a cui si devono attenere per evitare il coronavirus è semplice: restare a casa.

Luan e Alban, i gemelli morti bruciati vivi insieme ai genitori in Bulgaria in un incidente

Luan e Alban, i gemelli morti bruciati vivi insieme ai genitori in Bulgaria in un incidente

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Lutto nel mondo del calcio: Simone Perisan è morto a soli 39 anni

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Commissione d'inchiesta sul caso Denise Pipitone: "Ringrazio tutti dal profondo del cuore"

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Strage di Sassuolo: il nonno di Elisa Mulas, sopravvissuto agli omicidi, è deceduto in una casa di riposo

Strage di Sassuolo: il nonno di Elisa Mulas, sopravvissuto agli omicidi, è deceduto in una casa di riposo

Alex pompa assolto dalla Corte d'Assise di Torino. Respinta la richiesta di 14 anni di reclusione

Alex pompa assolto dalla Corte d'Assise di Torino. Respinta la richiesta di 14 anni di reclusione

Donna morta al nono mese di gravidanza con il figlio, la disperazione del marito

Donna morta al nono mese di gravidanza con il figlio, la disperazione del marito