Giovanni dona i suoi risparmi all’oncologo che ha curato la mamma per la ricerca

Quello che ha fatto Giovanni, un bimbo di solo 5 anni, dovrebbe farci riflettere. Perché se un un bambino ha capito l’importanza della ricerca, noi non possiamo non capirlo e, sopratutto, non possiamo fare finta di niente. Ma prima di parlare di questo argomento, vogliamo raccontarvi il gesto di Giovanni.

Ma, sopratutto, dirvi chi è Giovanni. Lui è un bambino di soli 5 anni. Sua madre si è ammalata di tumore al seno un anno fa. Si è sottoposta a un ciclo di chemioterapia e a un intervento di rimozione del tumore ed è guarito. Pochi giorni fa sono partiti insieme dalla Sardegna per fare le consuete visite di controllo ma suo figlio, Giovanni, aveva preso una decisione “da grande”. Ha preso tutti i suoi risparmi in monetine da 1, 2 e 5 centesimi), le ha messi in una busta e ha scritto su un pezzo di carta, con la grafia tremolante di un bimbo che ancora non va a scuola, “Sono per la ricerca”. Poi, ha intestato la busta a Pietro Caldarella, l’oncologo dello Ieo (Istituto Europeo di Oncologia) di Milano che aveva curato la mamma. Il medico è rimasto sorpreso del gesto del piccolo e ha voluto condividerlo sul suo profilo Facebook scrivendo un post commovente: «Stamattina il figlio di una mia paziente di 5 anni mi ha dato questo biglietto per ringraziarmi delle cure alla sua mamma e dentro c’erano i suoi risparmi che ha voluto donarmi per la ricerca sul cancro… mi veniva da piangere”. Sulla busta il bimbo aveva scritto “Caro Caldarella, da Giovanni”

COMPRA QUI PETFOUNTAIN!
COMPRA QUI PETFOUNTAIN!

L’oncologo ha aggiunto commosso: “La busta pesava e ho capito che non avrei trovato solo una letterina”.

La sua risposta al bimbo è stata: “Sei un ometto”.

Nella sua intervista il dottore ha aggiunto: “Sono 20 anni che faccio il chirurgo. Di storie tristi ne ho viste tante. Ma questo gesto in particolare mi ha commosso. Sono pochi spiccioli, ma il bello è vedere in questi bambini il nostro futuro, fatto di gesti semplici».

Che altro ci sarebbe da dire?

Nulla… Giovanni ci ha davvero lasciati senza parole!