smog

Gli effetti del Coronavirus sull’ambiente

Il Coronavirus sta avendo effetti molto positivi sull'ambiente, le misure di contenimento stanno riducendo drasticamente il livello di azoto

Non tutti i mali vengono per nuocere a quanto pare! Come tutti ormai sappiamo, l’emergenza Coronavirus sta attanagliando il nostro paese e sta portando grandi disagi sotto vari aspetti. L’economia ne risente, la quotidianità ne risente, ma soprattutto ne risente l’umore e la tranquillità di tutti noi. Ma in tutto questo ci sono anche notizie positive.

smog

Era già stato dimostrato grazie ai satelliti della NASA nei giorni passati, ed ora non possiamo che prenderne atto. Le misure di contenimento stanno riducendo drasticamente i livelli di azoto sul nostro paese. Il blocco totale delle attività aveva già dimostrato i suoi effetti benefici in Cina, ed ora sta accadendo lo stesso da noi. Il tutto è stato confermato dai satelliti europei, che monitorano i livelli di inquinamento del territorio comunitario.

Le immagini parlano chiaro: il diossido di azoto, sostanza altamente tossica, sta diminuendo sempre più nella nostra atmosfera. Il calo più drastico si è registrato tra l’11 gennaio e l’11 marzo grazie allo strumento Tropomi. Claus Zehner, program manager del Programma Copernicus, ci rivela che:

“L’abbassamento delle emissioni di diossido d’azoto soprattutto sulle valli del Po sono evidenti. Anche se potrebbero esserci lievi variazioni nei dati, dovute alla copertura nuvolosa e al cambiamento meteorologico, siamo molto fiduciosi che la riduzione delle emissioni che possiamo vedere, coincida con il blocco in Italia che causa meno traffico e attività industriali.”.

smog

Invece Josef Aschbacher, direttore dei programmi di osservazione della terra, afferma: “Copernicus Sentinel-5P Tropomi è oggi lo strumento più accurato che misura l’inquinamento atmosferico dallo spazio. Queste misurazioni, disponibili a livello globale grazie alla politica di dati liberi e aperti, forniscono informazioni cruciali per i cittadini e i decisori. Il precursore Sentinel-5 – noto anche come Sentinel-5P – è la prima missione Copernicus dedicata al monitoraggio della nostra atmosfera, ma in questa missione lo strumento Tropomi è stato progettato per mappare una moltitudine di tracce di gas come biossido di azoto, ozono, formaldeide, anidride solforosa, metano, monossido di carbonio e aerosol, tutti collegati agli aspetti atmosferici, e quindi la nostra salute e il nostro clima”.

smog

La sua dichiarazione prosegue:

” Data la crescente importanza e necessità di un monitoraggio continuo della qualità dell’aria, le prossime missioni Copernicus Sentinel-4 e Sentinel-5, nell’ambito del programma Copernicus dell’Unione Europea, monitoreranno gas e aerosol di tranciabilità chiave della qualità dell’aria. Queste missioni forniranno informazioni sulla qualità dell’aria, sull’ozono stratosferico e sulla radiazione solare, nonché sul monitoraggio del clima”.

smog

Questa sembrerebbe la prima buona notizia riguardo questo virus e la dimostrazione che ogni cosa negativa cela in sé del bene, come nella filosofia dello Yin e dello Yang.