Gli rubano la casa

A 87 anni va in un'altra città per qualche giorno, per far visita alla moglie malata. Al suo ritorno non riesce più ad entrare a casa sua, qualcuno ha cambiato la serratura. Fosse stato un estraneo a fargli questo, sarebbe stato tutto più facile.

Vicente Moreda, 87 anni, era a Cartagena, in provincia di Murcia, quando la comunità di quartiere di Atocha Street a Madrid lo contattò. Lo chiamarono per dirgli che un suo parente era entrato nella sua casa con una ragazza e un fabbro. L’evento è accaduto tre settimane fa, il parente del vecchio si è rivelato essere la sua nipotina con la quale non aveva contatti da più di un anno.

“Sono devastato, che mi succeda questo con 87 anni e ci sono stati tanti problemi … Non so nulla di lei da quando mi ha minacciato con un coltello. Non capisco. È entrata nel mondo delle dipendenze “, ha detto Vicente. Paula, 18 anni, ha deciso di occupare l’appartamento di suo nonno con l’intenzione di rilevare la proprietà. Amelia M., 51 anni, è la madre della ragazza, che ha detto ai media: “Mio padre è venuto a Cartagena due mesi fa perché era malato. È stato ricoverato in ospedale per un mese. Mia madre è in una casa perché ha un Alzheimer molto avanzato”, ha detto Amelia. Vicente le disse che Paula era entrata in casa sua con un’amica, così andarono alla più vicina stazione di polizia. “Abbiamo identificato la ragazza e scoprimmo che non avremmo dovuto farlo. Ho detto che era mia figlia e che era una rapina. Mi hanno detto che l’avrebbero sfrattata in 48 ore, ma ora mi dicono che, siccome ho detto che è una famigliare, sarà ritardato il provvedimento e avremo un processo giudiziario “. Un canale televisivo riecheggiava il caso, da allora Amelia riceve numerose telefonate. Ha contattato la società Desokupa de Madrid, una società che è responsabile come collezionisti per difendere i diritti dei proprietari di immobili occupati.

Uno dei lavoratori della compagnia è riuscito a negoziare con Paula, gli ha chiesto di aprire la porta perché c’era suo nonno. “Devo entrare, per favore, aprimi. Paula Perché ti è venuta questa idea? ” Disse Vicente. Secondo le informazioni fornite da Amelia, Paula era detenuta in un centro per i minorenni e non aveva avuto notizie da lei, la giovane donna è la seconda dei suoi tre figli.

I suoi fratelli stanno studiando, Paula è andata a vivere a Madrid dove presumibilmente sarebbe stata con suo padre. Amelia ha assicurato che fin dalla tenera età non ha avuto buone compagnie. La famiglia condanna il suo comportamento volendo assumere l’appartamento di suo nonno Vicente, che ha acquisito la proprietà sei anni fa.

“Mi sono dedicato a risolvere problemi per tutta la vita. Ho diversi posti e vivo sugli affitti e una pensione di 470 euro. In quel piano ho vissuto con mia moglie, che è la madrina di Paula, fino a quando ha iniziato a soffrire di problemi mentali. Ecco perché frequento spesso Cartagena per poter essere vicino a lei, che soggiorna in una casa di cura”, ha detto Vicente.

Martedì scorso, diversi media hanno visitato la proprietà per ottenere informazioni sul caso. Paula si rifiuta di rispondere al telefono e non ha offerto alcun tipo di dichiarazione. “Non voglio morire senza aggiustare questo. Per favore, smettila di scherzare. Non voglio vedere mia nipote in prigione. L’ho sempre amata molto e da piccola l’ho sempre portata al parco “, ha detto Vicente.

Questo caso ha dato molto da parlare in Spagna, migliaia di persone si aspettano che sia risolto favorevolmente. Condividi questa notizia

Tom Parker ha scoperto di avere un tumore al cervello al quarto stadio

Incidente a Genova, auto travolge 4 ragazze: una è incinta

Spadafora, 800 euro a novembre per palestre e piscine chiuse

Il disperato appello di Clotilde, agente di polizia penitenziaria

Che fine ha fatto Kate Fretti, la fidanzata di Marco Simoncelli

Terremoto di magnitudo 4.2 in Svizzera, avvertito anche nel Nord Italia

Mamma ha tappezzato la città con le foto del figlio morto: il suo messaggio