Vincenzo Montella: morto il papà Nicola

Grave lutto per l’allenatore Vincenzo Montella: morto il padre Nicola

Morto il papà di Vincenzo Montella: grande dolore per l'ex giocatore della Roma ed allenatore della Fiorentina

Grave lutto familiare per l’ex calciatore e allenatore Vincenzo Montella. Nella mattinata di ieri, si è spento improvvisamente suo padre, Nicola Montella. Numerosissimi i messaggi di vicinanza che l’ex tecnico della Fiorentina ha ricevuto sui social, a partire proprio dalla squadra di Firenze, che ha pubblicato uno stato su Twitter.

Vincenzo Montella: morto il papà Nicola

Giornata tristissima quella di ieri per il tecnico di Pomigliano D’Arco. Nella tarda mattinata è venuto a mancare agli affetti dei propri cari il padre Nicola. Ancora nessuna parola da parte del figlio Vincenzo che, per il momento, ha scelto di elaborare il dolore lontano dai canali pubblici.

Ancora non è noto il giorno in cui ci saranno i funerali. Nel frattempo, la società che Montella ha allenato in passato, la Fiorentina, ha pubblicato sul suo profilo Twitter un messaggio di cordoglio verso tutta la famiglia Montella.

Tutta la Fiorentina è vicina a Vincenzo Montella e ai suoi familiari, in questo momento di profondo dolore, per la scomparsa del padre Nicola.

Vita e Carriera di Vincenzo Montella

Vincenzo Montella: morto il papà Nicola

Montella è nato a Pomigliano D’Arco il 18 giugno del 1974 ed è un allenatore ed ex calciatore italiano. Fin da bambino mostra la sua passione e il suo talento per il calcio, che lo portano ad essere selezionato dall’Empoli quando aveva solo 13 anni.

Con la squadra toscana esordisce tra i professionisti in serie C1, prima di trasferirsi al Genoa per giocare in serie B. Proprio nella squadra ligure ottenne il soprannome che lo ha reso noto in tutta Italia: Aeroplanino. La scelta è stata dettata dall’esultanza che l’attaccante faceva dopo aver segnato un gol.

Vincenzo Montella: morto il papà Nicola
Credit: A.S. Roma

Nel 1996 si trasferisce alla Sampdoria che lo fa esordire in serie A. Con i blucerchiati, in tre stagioni, giocherà 83 partite segnando la bellezza di 54 gol. L’apice della sua carriera da giocatore arriva con la Roma, squadra con la quale ha giocato dal 1999 al 2007 e con la quale ha vinto anche uno scudetto, nel 2001.

Credit Video: Serie A – Youtube

Dopo aver concluso una fortunata carriera da calciatore, intraprende quella da allenatore che comunque mantiene un livello abbastanza alto. Esordisce in panchina nelle giovanili della Roma, fino ad approdare, a suon di risultati, in prima squadra. Dalla Roma passa ad allenare il Catania, poi la Fiorentina, la Sampdoria, il Milan e, l’anno scorso, di nuovo una parentesi con la squadra di Firenze. Attualmente è svincolato ma dei rumors parlano di un suo eventuale ritorno ad allenare la Fiorentina.

Carlos Bilardo non sa della morte di Diego Armando Maradona

Fiorella Mannoia e la risposta alle critiche sulla morte di Maradona

Rocio Oliva, ultima moglie di Diego Armando Maradona, viene bloccata alla veglia funebre

Diego Maradona, il legale denuncia: "Lasciato solo per 12 ore senza soccorsi"

Massimo Bossetti: "Non sono io il colpevole. Yara Gambirasio non ha ottenuto giustizia"

Gli ultimi giorni e gli ultimi desideri di Diego Armando Maradona non realizzati

Bimba di 10 anni morta a scuola: disposta l'autopsia su Marta Episcopo