Ha 101 anni, è sopravvissuto alla febbre spagnola e adesso ha preso il coronavirus

Ha 101 anni, è sopravvissuto alla febbre spagnola durante la guerra mondiale e adesso ha preso il coronavirus. Indovinate chi ha vinto la battaglia...

Siamo di fronte a tempi molto difficili e tutte le informazioni che leggiamo sulle reti sono travolgenti. Il numero di persone con diagnosi di COVID-19 continua a crescere e i paesi di tutto il mondo stanno adottando misure estreme per cercare di controllare la pandemia e offrire un buon servizio medico a tutti coloro che ne hanno bisogno.

Si stima che ci siano già oltre 700 mila casi confermati di coronavirus nel mondo. Restare positivi può essere difficile, ma dobbiamo anche rimanere calmi e cercare di concentrarci sulle notizie in cui le cose sono andate molto meglio di quanto ci aspettassimo. Un uomo di non meno di 101 anni è riuscito a guarire dal coronavirus.

L’uomo è nato nella città di Rimini, nel nord Italia. I suoi parenti si aspettavano il peggio e avevano molta paura quando “Signore. P “, presentava sintomi di febbre e tosse secca. Questo uomo leggendario è nato quando il mondo intero è stato colpito dall’influenza spagnola. Durante la sua vita ha affrontato diverse crisi di salute, ma riesce sempre a superare le peggiori previsioni.

L’influenza spagnola fu una pandemia che nel 1918 uccise quasi 40 milioni di persone. Il signor P. è rimasto a riposo mostrando il suo miglior sorriso a tutti coloro che gli hanno fornito cure mediche. Anche se il virus può essere fatale anche per i giovani sani (in piccolissima parte), i settori della popolazione più vulnerabili sono gli anziani o chiunque abbia a che fare con una condizione medica preesistente.

Si stima che 30.000 persone in tutto il mondo abbiano perso la vita a causa del devastante COVID-19 .

Alla sua età, il signor P. sembrava avere tutto contro di lui, ma è riuscito a sopravvivere ancora una volta e la sua famiglia è molto orgogliosa di lui. La storia di questo caso serve ad aiutarci a ricordare che non dobbiamo mai perdere la speranza. “Ci è riuscito. Il suo caso ci ha insegnato che anche a 101 anni il destino non è scritto, riflette Gloria Lisi, il sindaco.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha invitato tutti noi a non dimenticare i nostri nonni e tutti coloro che ci circondano che sono maggiormente a rischio a causa di questa pandemia. È chiaro che dobbiamo rimanere in quarantena, ma abbiamo anche un numero infinito di strumenti digitali per tenerci in contatto con loro e assicurarci che non manchi mai nulla.

“Allontanamento fisico non significa necessariamente allontanamento sociale. Dobbiamo prenderci cura dei nostri genitori, vicini e amici che sono soli”, ha spiegato l’OMS.

Noi celebriamo il meraviglioso recupero di Mr. P . Ha condotto una vita davvero leggendaria e speriamo che molti altri nonni abbiano lo stesso destino, vivere. Anche se sembra che tutto sia contro di noi, non dobbiamo mai smettere di combattere.

Né l’influenza spagnola né il coronavirus sono riusciti a contrastare questo dolce gentiluomo.

Alex Zanardi: aggiornamento sulle condizioni dell'atleta paralimpico

Avezzano, Vittorio Emi accoltella la moglie e si lancia dalla finestra

Donna arriva a pesare più di 300 chili per compiacere il fidanzato

Torino, Claudio Baima Poma uccide il figlio di 11 anni e poi si toglie la vita

Trovato un corpo nel fiume Adda: potrebbe essere la 15enne scomparsa

Luca Berlingerio morto a 5 anni, durante un matrimonio

Morte Viviana Parisi, parla l'avvocato Claudio Mondello: "Non si è suicidata"