ha commosso, aiutato e stupito milioni di persone.

Federico García Villegas, un bambino di soli otto anni, che viene molestato dai compagni di scuola, gira un video con la speranza che venga visualizzato dai suoi 20 compagni di classe. Il risultato è stato davvero inaspettato e ha commosso, aiutato e stupito milioni di persone.

Molte persone soffrono di una condizione speciale che li fa percepire il mondo in un modo diverso. Ma sfortunatamente, nella società è necessario promuovere i valori di tolleranza e comprensione in modo che si sentano inclusi. Invece di riconoscere le loro capacità e valutare i loro sforzi per adattarsi all’ambiente che spesso non è adeguato ai loro bisogni, alcuni li considerano “malati”, “pazzi” o “incapaci”.

sottovalutano le loro facoltà e negano loro l’opportunità di essere accettati e rispettati da tutti gli esseri umani indipendentemente dalle loro condizioni. Federico García Villegas , è un bambino di 8 anni che è stato vittima di molestie, perché gli è stata diagnosticata la Sindrome di Asperger. Attraverso un video che sua madre ha pubblicato sul suo profilo Facebook, ha spiegato come vive con le sue condizioni. “Avere Asperger non è una malattia, non sono pazzo, non sono un maniaco, ne sono un criminale. Solo che il mio modo di ricevere e elaborare le informazioni è diverso. Sono un bambino come gli altri, con sogni e illusioni. Voglio solo che tu mi conosca, mi capisca e mi aiuti a inserirmi nella società. I nostri sensi sono più acuti. Ascolto tutti i suoni allo stesso tempo, quindi a volte sono  scioccato e mi sento sovraccarico. Se vuoi che io sappia qualcosa, dimmelo con le tue parole, non capisco molto bene il linguaggio non verbale”, ha detto Federico. Viene da Cali, in Colombia, e con la sua testimonianza ha spiegato come vive con questa sindrome, il suo video è servito a sensibilizzare  più di 7,5 milioni di persone che l’hanno visto.

Andrea Villegas, la madre di Federico, ha creato una pagina Facebook chiamata: “Sono diverso ma sono come te”, con cui supporta altri genitori di bambini con Sindrome di Asperger che condividono le esperienze dei loro figli. “Federico ha avuto il bisogno di spiegare come vive con le sue condizioni, perché si sentiva frainteso dai suoi compagni di classe.”

Il piccolo ha scritto una storia per far conoscere le caratteristiche della sua condizione in quanto molte persone non sapevano di cosa si trattasse. Andrea ha detto che dal momento che suo figlio era molto giovane, cerca di spiegare cosa gli succede per dare strumenti di apprendimento.


Quando hanno registrato il video, l’obiettivo era quello di pubblicarlo su Facebook e YouTube perché i suoi 20 compagni di classe lo vedessero, ma Pamela Zavala, una madre cilena di tre bambini con Sindrome di Asperger ha visto la registrazione, l’ha condivisa sulle sue reti e più di 70.000 persone hanno reagito.

“Ho mostrato il video a mio figlio di 10 anni e, per la prima volta, si è sentito identificato con un’altra persona. Mancanza di tolleranza ed empatia nei confronti delle persone che hanno la Sindrome di Asperger, oltre a maggiori informazioni e aiuti di stato. Asperger non è una malattia. ”

La madre di Federico ha cercato di spiegare l’impatto del suo video, lei gli ha mostrato i messaggi di alcuni lettori e lei le ha detto che migliaia di persone hanno ascoltato la sua testimonianza. Tutti possiamo riecheggiare la grande iniziativa di Andrea e Federico e sensibilizzare su questa condizione. Condividilo!

Puglia, sospese le lezioni in presenza in tutte le scuole: l'annuncio di Emiliano

Roberto Zampardi denuncia la sua situazione: "Abbandonati dall'Asl"

Melito di Napoli, coprifuoco alle 20 per i minorenni: l'ordinanza del sindaco

Tom Parker ha scoperto di avere un tumore al cervello al quarto stadio

Un sindaco da ammirare

Giuseppe Conte illustra il Decreto Ristori: a chi andranno gli incentivi

Incidente a Caluso, il bimbo di 5 anni non ce l'ha fatta