I bulli colpiscono ancora

Bulli portano una ragazzina a mettere fine alla sua vita

All’età di 6 anni, a Amy “Dolly” Everett è stata offerta un’opportunità che avrebbe cambiato la sua vita per sempre. La bella ragazza ha ricevuto un contratto come modella ed è stata fotografata con un grande cappello Akubra. Gli iconici cappelli australiani sono un simbolo della natura incontaminata in Australia.


Dolly divenne presto il volto dell’azienda e le sue immagini come modella si diffusero in tutto il paese. Ma la fama gli costò un prezzo altissimo, un prezzo che nessuno dovrebbe mai essere costretto a pagare. E a soli 14 anni, Dolly si è tolta la vita. Purtroppo, Dolly è stata sottoposta a un’intimidazione brutale e intensa. Le molestie e gli insulti si sono diffusi in tutta la rete ed è stato molto difficile per gli adulti vicino a lei scoprirlo. Ma i genitori se si sono resi conto che Dolly era cambiata da essere stata la “ragazza più divertente del mondo”, è diventata un’adolescente annoiata e nervosa, che parlava a malapena con qualcuno e non voleva andare a scuola. Secondo sua madre, Kate, Dolly ricevette per anni diversi messaggi da ragazzi che la chiamavano “puttana”. “Non so se i dodicenni sanno cosa significa. Non dovrebbero saperlo. Gli dicevo che sarebbe successo, che la situazione sarebbe migliorata. Ti adatterai. Tutti cercano di adattarsi, cercano solo qualcuno su cui spettegolare. Non prenderla a cuore “, dice Kate a for News. Mentre viveva in una fattoria nel paese, Dolly era un po’ isolata, ma le molestie attraverso la rete peggiorarono la situazione. Suo padre, Tick Everett, ha detto che sua figlia “voleva solo sfuggire al male del mondo” e che non poteva più farlo.

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Dolly si suicidò il 3 gennaio 2018 di notte. I suoi genitori la descrivono come “la notte più lunga della loro vita”, potevano solo tenere tra le loro braccia la loro figlia senza vita, mentre arrivava l’ambulanza. E ci è voluto molto tempo perché arrivasse, dal momento che la famiglia viveva lontano.

Il padre, Tick Everett, sa chi sono questi “cattivi esseri” che hanno molestato Dolly. Pochi giorni dopo il suicidio, il padre ha scritto una lunga e commovente lettera sulla vita di Dolly su Facebook. Il padre ha ringraziato tutto il sostegno ricevuto ma si è rivolto anche direttamente a quei giovani che hanno indotto la figlia a suicidarsi.

“Questa settimana è stato un esempio di come i social network dovrebbero essere utilizzati, ma anche un esempio di come non dovrebbero essere utilizzati. Se possiamo aiutare e salvare altre vite importanti ed evitare la sofferenza di molti, il destino di Dolly non sarà stato vano. ”

Descrivono Dolly come “un’anima generosa e bella”. La sua famiglia ha persino mostrato un’immagine che Dolly aveva fatto – una figura sottile che si appoggiava all’indietro “. Si rivolse agli stalker
Il messaggio sotto il dipinto: “Parla anche se la tua voce trema”. “Questo potente messaggio descrive il luogo oscuro e terrificante in cui era stato il nostro bellissimo angelo”, scrive il padre.

Il padre ha anche sfidato i bulli. “In primo luogo: Quelle persone che pensavano che fosse solo uno” scherzo “e si ritenevano superiori a queste continue molestie e insulti, guardino questa pubblicazione. Per favore, vieni al funerale per assistere a tutta la distruzione che hai creato.”  E ha continuato a sfidare le “forze positive”. Chiedendo loro di non lasciare che tutto finisca cosi. Dobbiamo lottare tutti insieme per fermare questo.

 

La compagnia di cappelli Akruba, che ha fatto di Dolly il volto della sua azienda, dice in una dichiarazione che sono preoccupati e sotto shock. E hanno anche avviato una campagna per diffondere l’intero problema del bullismo. La famiglia Everett creerà una fondazione con il nome della loro figlia e sarà chiamata “Dolly’s Dream”. Si prevede che la Fondazione ottenga sponsorizzazioni da organizzazioni non profit e possa contribuire a cambiamenti positivi.  La pagina Facebook della Fondazione è stata riempita con tributi a Dolly e il suo sogno di raggiungere un mondo migliore.

Essere in grado di controllare la situazione nonostante le circostanze terribili e allo stesso tempo combattere per fare la differenza, mostra la forza di questa famiglia. Nessuno dovrebbe seppellire un bambino a causa di abusi, ma sfortunatamente succede sempre. Condividi la tragica storia di Dolly per evidenziare questo importante problema e far conoscere a tutti le conseguenze che l’odio nei social network può produrre.

Se riusciamo a far leggere a molti questo, forse potremo evitare qualche futuro suicidio.