I bulli della scuola lasciano il ragazzo con fratture al cranio e gravi danni al cervello

I bulli della scuola lo picchiano fino a fratturargli il cranio e a provocargli gravissimi danni al cervello.

Home > Attualità > I bulli della scuola lasciano il ragazzo con fratture al cranio e gravi danni al cervello

A Elko, in Nevada, un ragazzo di 16 anni ha subito gravi ferite alla testa per colpa di un bullo. Neo Hobbs è stato perseguitato per mesi da un ragazzino: era terrorizzato alla sola idea di andare a scuola. Non si sa ancora chi abbia potuto compiere un gesto del genere, mentre la scuola sembra voler minimizzare l’incidente.

Neo Hobbs ha subito, in seguito all’aggressione, lesioni cerebrali gravi ed è in coma per trauma cranico.

Neo Hobbs

La famiglia di Neo Hobbs non accetta questa indifferenza da parte della scuola. È certa che ci sia quel bullo che tormentava il ragazzo da tempo. Il distretto scolastico si è solo limitato a riferire che effettivamente si è verificato un incidente alla Elko High School, ma il sovrintendente ha aggiunto che si è trattato solo di un confronto tra studenti. Finito però con pugni e una caduta che ha causato gravi danni a Neo.

I medici insistono sul fatto che sia stato colpito da qualcosa. Le sue ferite non sono compatibili con una semplice caduta o solo con una scazzottata. Il cranio è stato gravemente fratturato e il cervello è contuso e sanguinante. Il cervello si è letteralmente spostato nel cranio a causa dell’impatto che ha subito. Può il pugno di un adolescente causare questo? O forse c’è dell’altro?

Li mandi a scuola e non dovresti preoccuparti per i tuoi figli mentre sono lì, specialmente per qualcosa del genere“, ha raccontato la madre.

Per sapere davvero cosa è successo bisogna aspettare che Neo riacquisti le funzioni cerebrali. Il ragazzo è paralizzato e attualmente è in cura e si sta lentamente riprendendo.

Non si sa quando potrà tornare a casa. Dovrà fare molta terapia fisica, imparare di nuovo a camminare, parlare, lavarsi i denti, nutrirsi da solo. Tutto da capo.

Si spera che vengano presi i provvedimenti necessari per garantire che nessun’altra persona cada vittima di bullismo. E nessun’altra famiglia passi quello che ora la famiglia di Neo sta passando.