Omicidio Willy Monteiro Duarte: i colpevoli rischiano l'ergastolo

I legali dei 4 assassini di Willy Duarte hanno fatto istanza di tiro abbreviato e di sconto di pena: la decisione del gip

I fratelli Bianchi, Bellegia e Pincarelli, colpevoli dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte, pora rischiano l'ergastolo

Marco Bianchi, Gabriele Bianchi, Francesco Bellegia e Mario Pincarelli. Sono questi i nomi dei 4 ragazzi che, la notte tra il 5 e il 6 settembre scorsi, hanno letteralmente ucciso di botte Willy Monteiro Duarte. I legali assunti per la loro difesa, in questi mesi, hanno fatto pervenire diverse istanze di riti abbreviati e di sconti di pena. La procura di Velletri, però, ha respinto ogni richiesta.

Omicidio Willy Monteiro Duarte: i colpevoli rischiano l'ergastolo
Credit: FROSINONETODAY

Era un sabato sera come tanti, il 5 settembre del 2020. A Colleferro sembrava essere scoppiata la solita rissa del sabato sera. Il giovane Willy era intervenuto per cercare di difendere il suo amico, che era stato preso di mira da altri ragazzi. Chiamati da qualcuno, in pochi minuti sono poi arrivati sul posto i fratelli Bianchi, Bellegia e Pincarelli, che con una furia incontrollabile hanno sfogato tutta la loro forza contro quel giovane, uccidendolo letteralmente a calci e pugni.

Tutti e 4, ma soprattutto i due fratelli, erano già noti alle forze dell’ordine per essere impegnati in diverse attività criminose come violenza, spaccio di droga e recupero crediti.

Respinta la richiesta di rito abbreviato per gli assassini di Willy Monteiro Duarte

Omicidio Willy Monteiro Duarte: i colpevoli rischiano l'ergastolo

Nel corso di questi mesi, gli inquirenti hanno portato avanti un’indagine molto accurata. Si sono concentrati su quelli che, già poche ore dopo l’accaduto, erano stati arrestati come colpevoli dell’omicidio. Intercettazioni telefoniche, ambientali e l’ascolto di tutti i testimoni che erano presenti quella sera, hanno disegnato uno scenario che risulta abbastanza chiaro.

Il gip di Velletri, Giuseppe Boccarato, ha perciò respinto ogni istanza di rito abbreviato e di sconto di pena. Richieste che i legali dei 4 colpevoli hanno fatto perpetrare alle autorità competenti. In una nota si legge:

Omicidio Willy Monteiro Duarte: i colpevoli rischiano l'ergastolo

Tutti gli elementi conducono naturalmente a ritenere che i quattro indagati non solo avessero consapevolmente accettato il rischio di uccidere Willy, ma colpendolo ripetutamente, con una violenza del tutto sproporzionata alla volontà di arrecargli delle semplici lesioni, avessero previsto e voluto alternativamente la morte o il grave ferimento della vittima.

L’accusa, dunque, passa da omicidio preterintenzionale, a omicidio volontario. I 4 soggetti ora vedono sfumare la possibilità di uno sconto di pena. Inoltre, intravedono la possibilità che si arrivi ad una condanna all’ergastolo.

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Matteo Bonforte non ce l'ha fatta: si è spento a 24 anni dopo una lunga battaglia

Arrivata la relazione completa sull'autopsia del piccolo Evan Giulio: nuove scoperte da parte dei medici

Arrivata la relazione completa sull'autopsia del piccolo Evan Giulio: nuove scoperte da parte dei medici

Bologna, bimba di 11 anni ricoverata in terapia intensiva: anche i genitori sono positivi

Bologna, bimba di 11 anni ricoverata in terapia intensiva: anche i genitori sono positivi

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Lo straziante sfogo dell'attore romano: “Mio figlio ricoverato in ospedale per polmonite da Covid dopo un assembramento"

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Anche la piccola Jasmine è morta con una corda intorno al collo. La sua mamma, tra le lacrime, ha voluto dire qualcosa a tutti i genitori

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni all'udienza in tribunale sbotta: "Ora basta".

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni all'udienza in tribunale sbotta: "Ora basta".

Donna in coma partorisce e conosce sua figlia 19 giorni dopo

Donna in coma partorisce e conosce sua figlia 19 giorni dopo