I parrucchieri vogliono tornare a lavorare

Padova, la protesta dei parrucchieri per la chiusura delle attività

I parrucchieri protestano per le decisioni prese dal governo nella Fase 2 e la mancata riapertura delle loro attività

La Fase 2 prevede la riapertura di alcuni settori produttivi. Nonostante questo però, moltissime attività rimarranno chiuse. Questo ha scatenato molte proteste, soprattutto da parte dei parrucchieri. Infatti tutte le attività che riguardano la cura della persona rimarranno chiuse ancora a lungo, fino a giugno per la precisione.

I parrucchieri vogliono tornare a lavorare

Considerate attività ad alto rischio. Proprio per questo i parrucchieri hanno deciso, di protestare animatamente contro le misure adottate dal governo. A far partire lo sciopero sono i titolari di un centro estetico di Padova.

I parrucchieri vogliono tornare a lavorare

Questi lavoratori hanno deciso di incatenarsi davanti al loro esercizio commerciale con mascherine e guanti. Il titolare, Stefano Torresin, ha dichiarato:

“Noi parrucchieri siamo abituati a lavorare secondo le norme di igiene e abbiamo tutto il materiale per riprendere: visiere, camici, guanti, gel igienizzante. Conte vuole farmi credere che un locale di 100 metri quadri con due lavoratori e due clienti è meno sicuro di un autobus con 20 persone?”.

Il salone di bellezza è La Dolce Vita in Corso Milano. Il titolare e i dipendenti, si preparavano ormai da giorni per poter svolgere in sicurezza la loro attività lavorativa. Le loro aspettative, come quelle di tanti altri lavoratori che speravano di poter subito riprendere l’attività, sono state deluse.

I parrucchieri vogliono tornare a lavorare

Come Stefano, infatti, erano tantissimi i professionisti che si stavano preparando alla riapertura al pubblico. L’altro titolare del negozio, Agostino Da Villi, ha dichiarato: “Conte ha il fegato di dire di aver fatto una manovra economica eccezionale, ma noi abbiamo 20 mila euro di spese fisse al mese e il governo ce ne vuole dare 600″.

I parrucchieri vogliono tornare a lavorare

Loro, speravano di poter riaprire entro il 18 maggio. La preoccupazione maggiore, ormai, è quella di non riuscire a fronteggiare le altissime spese di gestione dell’esercizio, incappando in grandi difficoltà economiche. Ma come si può soddisfare questo bisogno di lavorare con la necessità di mantenere la sicurezza? Speriamo si riesca a trovare una soluzione alla svelta.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Nicola Scisciani morto a 12 anni in un incidente stradale, Tolentino in lutto

Nicola Scisciani morto a 12 anni in un incidente stradale, Tolentino in lutto

Napoli, le dichiarazioni di Mariano Cannio davanti al pm sulla morte del piccolo Samuele Gargiulo

Napoli, le dichiarazioni di Mariano Cannio davanti al pm sulla morte del piccolo Samuele Gargiulo

Il mondo del calcio piange la morte del grande Jimmy Greaves

Il mondo del calcio piange la morte del grande Jimmy Greaves

Nicolas Lorenzo Vona è morto a seguito di un bruttissimo incidente stradale

Nicolas Lorenzo Vona è morto a seguito di un bruttissimo incidente stradale

Mamma di Alessandra uccisa da una guardia giurata: la sua disperazione

Mamma di Alessandra uccisa da una guardia giurata: la sua disperazione

Si toglie la vita a soli quattordici anni dopo aver perso il suo cane

Si toglie la vita a soli quattordici anni dopo aver perso il suo cane

Scomparsa Gabby Petito: trovato un corpo senza vita

Scomparsa Gabby Petito: trovato un corpo senza vita